in

Coronavirus Italia ipotesi lockdown nelle grandi città, Di Maio: «In arrivo nuovo Dpcm»

Se il governo non ha ancora decretato la chiusura totale è perché «vogliamo vedere gli esiti delle misure del Dpcm». A dirlo la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, che ha precisato: «Ora vedremo come va la curva. Il lockdown non è una misura facile, può avere effetti negativi sull’economia e deve essere supportato dai dati scientifici che lo rendono improcrastinabile. È l’estrema ratio». In realtà, come spiega ‘Fanpage’ l’ipotesi di un lockdown, almeno mirato si fa sempre più presente, soprattutto nelle grandi città, dove il Covid-19 in queste ultime ore è tornato a colpire duro. Nella lista dei centri a rischio, scrive oggi il “Corriere della Sera”, ci sarebbero Milano, Napoli, Roma, Torino e Bologna.

leggi anche l’articolo —> Covid, la situazione in Italia in attesa delle nuove restrizioni

Coronavirus Italia

Coronavirus Italia ipotesi lockdown nelle grandi città, Di Maio: «In arrivo nuovo Dpcm»

Ad anticipare che è in arrivo un nuovo dpcm Luigi Di Maio. Il ministro degli Esteri ha spiegato che l’esecutivo è al lavoro incessantemente per studiare delle misure ad hoc per contenere il contagio. I provvedimenti saranno senza dubbio più severi. L’esponente del Movimento 5 Stelle, in occasione della festa del Foglio, lo ha sottolineato: «Dobbiamo capire se anticipare le mosse per evitare che la curva peggiori». E c’era da aspettarselo: secondo il bollettino di ieri diffuso dal Ministero della Salute, sono 31.084 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Italia. Nuovo record negativo per il nostro paese con oltre 215mila tamponi effettuati. 199 i decessi; in aumento anche il numero dei ricoveri in terapia intensiva. Le regioni con più nuovi positivi, stando al bollettino di ieri, Lombardia, Campania, Veneto, Toscana.

coronavirus italia

Richeldi: «Numeri della pandemia preoccupanti»

Luca Richeldi, componente del Comitato tecnico scientifico, ha spiegato in un’intervista al “Sole 24 Ore”: «I numeri della pandemia in Italia sono preoccupanti, ma possiamo ancora provare a gestire l’urto. Se i numeri saranno ingestibili, allora dovremo pensare a misure più decise a livello nazionale, non un lockdown come quello di marzo ma a un intervento sostenibile a medio termine. L’inverno è lungo e non si può escludere che poi ci sia anche una terza ondata di Covid». Leggi anche l’articolo —> Covid, Monaco: «Non si decida chi ricoverare in base all’età. Lo Stato non ci lasci soli»

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Bitonto

Bitonto, 21enne senza parenti dimenticato all’obitorio: oggi Joseph avrà degna sepoltura

billionaire

Flavio Briatore annuncia: “Il Billionaire riapre” ma questa volta a Dubai