in

Daniele Santoianni torna in libertà: cadono le accuse di mafia nei suoi confronti

Daniele Santoianni, l’ex concorrente molisano del Grande Fratello poi diventato imprenditore e arrestato il 2 maggio per sospette frequentazioni mafiose, torna libero. Il suo incubo è finalmente finito, anche se la lotta per pulire completamente la fedina penale è ancora lunga. I tre giudici del Tribunale del Riesame di Palermo Stefania Brambille, Vincenzo Liotta e Alessia Geraci hanno cancellato l’onta degli arresti domiciliari avvenuta nell’inchiesta “Mani in pasta”. Quasi 91 le persone coinvolte.

Leggi anche —> Mafia operazione “Mani in Pasta”: 91 arresti tra Palermo e Milano

Daniele Santoianni libero

Daniele Santoianni libero

Il gip di Palermo ha accusato Daniele Santoianni di essere prestanome di una società di commercializzazione del caffè tra Palermo-Milano. Come riporta ‘Il Fatto Quotidiano’ dalle indagini è emerso che l’ex gieffino era stato nominato rappresentante legale della Mok Caffè S.r.l.. «Con ciò alimentando la cassa della famiglia dell’Acquasanta e agevolando l’attività dell’associazione mafiosa», scrive il gip nell’ordinanza di convalida dell’arresto. Il gip Piergiorgio Morosini avallò il timore di un assalto delle mafie alle imprese in crisi e ai negozianti con le saracinesche ancora abbassate. A quanto pare il sosia di Riccardo Scamarcio, questo il soprannome di Santonianni, non era coinvolto. Le indicazioni su un ipotetico rapporto tra l’imprenditore e le storiche famiglie mafiose dei Galatolo e dei Ferrante sono insufficienti per una misura cautelale.

Daniele Santoianni libero

Le parole del ex gieffino

La Waterloo di Daniele Santoianni non è ancora del tutto finita. Al momento l’ex gieffino è ancora un indagato. Al suo fianco nella difesa c’è l’avvocato Gian Piero Biancolella. Finalmente l’incubo è finito e l’ex gieffino racconta ad amici e giornali come ha vissuto queste settimane. «Da un giorno all’altro mi sono sentito dare del mafioso: hanno distrutto non tanto me, ma la mia famiglia. Ora il mio cuore ha ricominciato a battere. Sono stato massacrato sulla base di informazioni infondate. Infamante e assurda l’accusa di essere stato un riciclatore di soldi della mafia. Basata esclusivamente su intercettazioni telefoniche la cui valenza è stata smentita dal mio difensore con documenti ineccepibili». Leggi anche –> Daniele Santoianni chi è: tutto sull’ex concorrente del ‘Grande Fratello’ arrestato per mafia

beniamino gigli junior

Morto Beniamino Gigli Junior: addio al nipote del grande tenore di Recanati

Gianmarco Tamberi Rocco Siffredi

Gianmarco Tamberi su Rocco Siffredi: «Farà sorridere, ma abbiamo trovato dei punti di contatto»