in

Elena Sofia Ricci, i segreti di “Che Dio ci aiuti 6”: “Tre tamponi a settimana, piombini nel velo e…”

Su “Tv Sorrisi e Canzoni” l’intervista di Elena Sofia Ricci, ancora impegnata con le riprese di “Che Dio ci aiuti 6”, che andrà in onda con dieci nuove puntate dal 7 gennaio su Raiuno. «Era già successo in passato di andare in onda mentre eravamo ancora sul set. Ma questa volta è molto pericoloso, visto che c’è una pandemia in corso. Anche se facciamo tutti tre tamponi alla settimana, il rischio che qualcuno risulti positivo è altissimo!», ha affermato la popolare attrice, che nel corso della chiacchierata ha svelato alcuni segreti e anticipazioni della nuova stagione.

leggi anche l’articolo —> “Che Dio ci aiuti 6” quando inizia, novità “croccanti”: a cosa sono arrivati gli sceneggiatori

Elena sofia ricci

Elena Sofia Ricci i segreti di “Che Dio ci aiuti 6”: “Tre tamponi a settimana, piombini nel velo e…”

Come si fa a girare con il freddo di questi ultimi giorni? «Sotto l’abito da suora ho una tuta termica a batterie che mi ha regalato mio marito: fantastica quando giriamo al freddo e non posso indossare il cappotto o il maglione. Inoltre, quando soffia il vento, metto il velo con i piombini in modo che non voli via», ha dichiarato Elena Sofia Ricci. La nuova serie è ambientata ad Assisi, città natale della protagonista, l’amatissima Suor Angela: «È una bellissima novità. Il nostro Convento degli Angeli è stato già accolto in città stupende, come Modena e Fabriano, permettendoci di mostrare anche le bellezze delle città italiane. Ma Assisi toglie il fiato. C’è una spiritualità molto forte qui e una bellezza dell’arte italiana unica al mondo», ha detto l’attrice.

Elena Sofia Ricci

«Suor Angela farà i conti col suo passato»

Al centro della serie il rapporto di Suor Angela col suo passato e la famiglia, in particolare modo con il padre: «Ha un rapporto conflittuale con lui. Ricordiamo che suor Angela è stata una ragazza terribile, ha alle spalle un brutto passato di ribellione alle regole rigide imposte dal padre severo. È da adulta che scopre il grande amore per l’altro padre, il Signore, e quindi sposa la parte spirituale». A “Che Dio ci aiuti 5” la fede di Suor Angela ha cominciato a vaccinare: «Sì, e anche ora che la fede è tornata ci saranno momenti in cui si chiederà dove sia Dio, come capita a tutti, anche se lei è una suora. Per questo l’amiamo e siamo vicini a lei. È bella perché è umana, scorretta e deve fare i conti con il suo passato», ha concluso l’interprete toscana. Leggi anche l’articolo —> “Che Dio ci aiuti 6” Stefano De Martino nel cast, Suor Angela: «Svelato il motivo del suo successo»

 

Vaccini Covid, Magrini (Aifa): “Da Moderna ottimi dati, presto approvazione Ema”

Nasce “Piazza Dante”, il multi-evento che riunisce 41 festival culturali per celebrare il Sommo Poeta