in

Festa di Halloween illegale finisce male: 20 giovani denunciati

Festa di Halloween illegale a Milano. Avevano organizzato tutto alla perfezione secondo loro, ma non avevano fatto i conti con il vicinato. Una festa di Halloween in dispregio delle disposizioni dell’ultimo Dpcm è stata interrotta dall’arrivo dei Carabinieri. Il tutto si è svolto in un’appartamento preso in affitto, con tanto di biglietti d’ingresso. Nessuno dei partecipanti aveva la mascherina e all’arrivo dei militari era in condizioni pietose a causa dell’eccesso di alcol.

>> Covid bollettino del 1° novembre: nuovi contagi in lieve calo, crescono le terapie intensive

festa di halloween illegale a milano

Festa di Halloween illegale a Milano: 20 giovani ubriachi e senza mascherina assembrati in un appartamento

Un appartamento su due piani con piscina e sala cinema. La location scelta per la festa di Halloween da un gruppo di giovani milanesi era sicuramente ben attrezzata. L’avevano affittata per ben 2500 euro, riferisce “Il Giornale”, con tanto di biglietti d’ingresso con consumazione di alcolici. Tutto bene? No, perché la baldoria è sfociata presto in disturbo alla quiete dello stabile di cui faceva parte l’appartamento.

Di qui la segnalazione di un vicino ai Carabinieri, che sono intervenuti per un controllo. Al loro arrivo gli uomini dell’Arma hanno trovato 20 persone riunite per la festa. “L’appartamento era completamente a soqquadro – riferisce Il Giornale – con bottiglie di alcolici ovunque e tanti giovani, di età compresa tra i 18 e i 20 anni, senza mascherine”.

Per tutti i partecipanti denuncia e sanzione amministrativa

Tutti i presenti sono stati denunciati in stato di libertà per “inosservanza delle norme sul contenimento della pandemia” di coronavirus. Ai soggetti, che non sono censiti nell’anagrafe dei contagiati Covid, sono state prese le generalità. Alcuni giovani in chiaro stato di alterazione psicofisica dovuto all’alcol sono stati soccorsi dal personale del 118 allertato dagli stessi carabinieri che volevano verificare sul posto il loro stato di salute. Dopo aver restituito le chiavi dell’appartamento ad un incaricato della società proprietaria, i giovani sono stati rispediti alle rispettive abitazioni con una sanzione amministrativa. (foto repertorio) >> Tutte le notizie sul Coronavirus

Covid bollettino 18 novembre 2020

Covid, il bollettino di oggi: 29.907 nuovi casi, 208 morti, +96 in intensiva

La diffusione dei codici sconto in Italia e in Europa