in

Francesco Le Foche: «Covid in primavera sarà domabile. Contagiati hanno bassa carica virale»

«Ci sono le premesse per essere fiduciosi e aspettarsi che questa epidemia entro marzo-aprile sia finalmente domabile». Così al ‘Corriere della Sera’ Francesco Le Foche, immunologo clinico all’università La Sapienza, ha commentato l’ultimo bollettino diramato dalla Protezione Civile, che riportava di 5.500 nuovi positivi e di 420 ricoverati in terapia intensiva. «Non sono preoccupato, la maggior parte dei contagiati esprime una forma di malattia molto blanda probabilmente perché la carica virale del Sars-CoV-2 è molto bassa. Le mascherine stanno svolgendo un ruolo fondamentale. Bloccano il virus o nella peggiore delle ipotesi ne riducono la trasmissione e questo fa sì che chi si infetta non riporta gravi danni», ha sottolineato l’esperto per nulla spaventato.

leggi anche l’articolo —> Nuovo Dpcm ottobre 2020, cosa cambia: tutte le regole anti Covid al vaglio del governo

le foche

Francesco Le Foche: «Covid in primavera sarà domabile. Contagiati hanno bassa carica virale»

Onde evitare malintesi, Francesco Le Foche ha chiarito che minor carica virale non significa che il Covid abbia perso di aggressività: «Il virus è esattamente lo stesso. Per carica virale si intende la quantità di virus che aggredisce una persona esposta al contagio. Se la carica è bassa l’ individuo non si ammala». Neppure le lunghe file per fare i tamponi impensieriscono l’immunologo: «È un problema limitato ad alcune realtà territoriali. Credo che la possibilità di richiedere il tampone rapido ai laboratori privati a un costo moderato allenterà la pressione sui drive in. Ricordiamo però che il test rapido antigenico è uno screening, in caso di positività serve comunque il tampone classico che rileva la presenza del virus». A proposito degli ospedali tornati a riempirsi Le Foche ha detto: «Entrano più pazienti ma altrettanti vengono dimessi in buona salute. La situazione è sotto controllo». La regola d’oro per uscirne è una sola: rispettare le misure anti Covid. «La mascherina, se usata correttamente. Indossarla sotto il naso è come non averla perché il virus è nel respiro. Chi ha una vita attiva dovrebbe cambiarla due volte al giorno, se è consunta è sporca non serve a niente», ha dichiarato fermo Le Foche.

Francesco le foche

«La battaglia verrà vinta dalla scienza che sarà pronta con vaccini e farmaci, quindi dobbiamo resistere altri 5-6 mesi»

Francesco Le Foche è convinto che la prossima primavera segnerà l’inizio di una nuova fase«La battaglia verrà vinta dalla scienza che sarà pronta con vaccini e farmaci, quindi dobbiamo resistere altri 5-6 mesi attrezzando gli ospedali meglio di quanto sia stato fatto fino a oggi, considerando anche che il Covid si mischierà con l’ influenza». Nel corso dell’intervista al “Corriere” questi ha specificato quali cure lo confortano«Sono sulla buona strada almeno 4 vaccini basati su diverse tecnologie. Uno o più tra questi dovrebbero essere pronti e somministrabili a fine inverno o anche prima. Sono inoltre in dirittura d’ arrivo gli anticorpi monoclonali, in cui credo molto. Avranno un ruolo fondamentale come è stato per altre malattie, ad esempio quelle autoimmuni. Sono farmaci biotecnologici che svolgono la funzione del sistema immunitario nel difenderlo. Nel caso di questo virus bloccano la proteina Spike grazie alla quale penetra nelle cellule e agiscono in 3-4 ore. I pazienti dopo 3 giorni stanno bene. Come Trump». Leggi anche l’articolo —> Covid, i numeri di oggi: 5.456 nuovi casi, oltre mille in Lombardia

 

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Concessionaria Mercedes Trivellato: convenienza e innovazione

Diana Del Bufalo si è lasciata Edoardo Tavassi

Diana Del Bufalo si è lasciata con Edoardo Tavassi: «Per me è stato un angelo custode»