in

Giorgia Meloni si scaglia contro il governo Draghi: “Scavalca il Parlamento”

Cambia il governo, ma non gli strumenti: anche Mario Draghi ha deciso di utilizzare i Dpcm per imporre le misure contro la diffusione del coronavirus. E questo, a Giorgia Meloni, proprio non è piaciuto: “Devo dire che non sono contenta che il governo Draghi proceda proceda per Dpcm. I tempi per fare un decreto legge c’erano. Continuiamo a limitare la libertà delle persone per Dpcm. Limitare la libertà è un atto grave per la nostra democrazia”, ha dichiarato a L’Aria che tira su La7.

Giorgia Meloni Fiorello

Governo Draghi, Giorgia Meloni si scaglia contro l’utilizzo dei Dpcm

Secondo la leader di Fratelli d’Italia, infatti, in questo modo anche il governo Draghi non fa altro che “scavalcare il Parlamento” senza accorgersi di quanto “sia tragica la nostra normalità”. Ma Giorgia Meloni non si limita a dire solo questo: “Non trovo che sia il governo dei migliori. Sfido chiunque a dire che Di Maio sia il miglior ministro degli Esteri. Se sono contenta che Draghi nomini Figliulo per la gestione della pandemia, non sono contenta per l’ultimo Dpcm”. Di sicuro, però, la leader di Fratelli D’Italia apprezza la scelta di Draghi di estromettere il commissario Domenico Arcuri: “Mi piacciono le decisioni di Draghi su Arcuri, le soluto positivamente e con un po’ di presunzione spero sia figlio anche di proposte fatte a lui da Fratelli D’Italia”.

Oltre a questo, Giorgia Meloni ha toccato anche il tema dell’uscita dell’Italia dalla zona monetaria: “Non ho mai proposto l’uscita unilaterale dell’Italia dall’euro. Penso che le monete siano uno strumento non un Dio. Cosa è irreversibile a parte la morte? Se domani la Germania dovesse valutare che l’euro non gli conviene più non avrebbe problemi a metterlo in discussione”, ha sottolineato.

ARTICOLO | L’analisi di Arturo Parisi: “Il Pd ha scambiato il governare con lo stare al governo”

ARTICOLO | M5S, Cioffi su Conte: “Felice della sua decisione, non diventiamo moderati”

Governo Draghi, Meloni: “Il lavoro di Conte per me è pessimo”

Il lavoro di Conte per è me è stato pessimo, ma in confronto a Di Maio, Crimi… Conte è certamente quello più visibile, ha fatto il Premier, ha una sua credibilità. Conte sposta molto all’interno della coalizione giallorossa, prende voti dal PD e dall’astensionismo. Non è un voto che viene tolto ad altre coalizioni”, ha dichiarato Giorgia Meloni durante l’intervista. Di fatto, quindi, la leader di Forza Italia non perde occasione per puntare il dito contro l’ex presidente del Consiglio Conte, anche se riconosce che all’interno del Movimento 5 Stelle ha un’importanza diversa rispetto ad altri leader. E nella rifondazione del Movimento, questo sarà piuttosto influente. >> Tutte le notizie di UrbanPost

Quarta ondata Covid

Quarta ondata Covid, ora aumentano gli scienziati che la “vedono” all’orizzonte

Francesco Renga

Sanremo 2021, Francesco Renga ci riprova: testo e significato di “Quando trovo te”