in

Che numeri ha il governo Draghi in Parlamento? Gli scenari possibili

Accettato con riserva l’incarico del presidente Sergio Mattarella, il governo Draghi deve assicurarsi i numeri in Parlamento per poter procedere: sebbene dopo il colloquio con il capo dello stato il nuovo premier si sia detto fiducioso sulla possibilità di trovare un sostegno alle camere, stando alle prime reazioni dei partiti la certezza non è affatto matematica. La simulazione realizzata da Youtrend mette in evidenza i dubbi derivanti proprio dai partiti con il maggior numero di parlamentari, sia alla Camera che al Senato, ovvero Movimento 5 Stelle e Lega.

Leggi anche >> Cosa succede dopo l’incarico a Draghi: da consultazioni a fiducia, le tappe per uscire dalla crisi

Governo Draghi maggioranza

Governo Draghi maggioranza, che numeri ha in Parlamento? Le ipotesi possibili

Supponendo che Fratelli d’Italia votino contro, mentre Partito Democratico, Forza Italia, Italia Viva, LeU e gli altri gruppi minori siano invece favorevoli, si aprirebbero scenari diversi a seconda delle scelte di Lega e M5S. Se la Lega votasse a favore, il governo Draghi avrebbe almeno 199 voti favorevoli (su 315) al Senato e 400 (su 630) alla Camera: dunque, a prescindere dall’appoggio del M5S, la maggioranza sarebbe certa in ogni caso. Diversa la situazione se la Lega si mostrasse contraria: in tal caso, il governo Draghi proseguirebbe solo se il M5S votasse a favore, limitando quanto più possibile le defezioni. Se, invece, anche il M5S fosse contrario, Draghi non avrebbe nemmeno la maggioranza assoluta.

Governo Draghi maggioranza

Draghi, disposto a guidare il governo senza maggioranza solida?

L’ultimo scenario possibile, nella definizione dei numeri del governo Draghi, vedrebbe l’astensione della Lega: in questo caso, il voto di fiducia toccherebbe quota 127 al Senato e 249 alla Camera. Con 138 consensi a Palazzo Madama e 269 a Montecitorio ci sarebbero, dunque, i numeri sufficienti per far partire il governo Draghi anche con il voto contrario dell’intero M5S. In questo caso, però, la palla passerebbe al nuovo premier: sarebbe disposto a guidare un esecutivo senza una maggioranza parlamentare solida? >> Renzi travolto dagli insulti per la foto del tricolore: commenti irripetibili

Governo Draghi maggioranza

Seguici sul nostro canale Telegram

Lilli Gruber Salvini

“Otto e mezzo”, scintille in diretta tra Matteo Salvini e Lilli Gruber : «Non scherziamo»

governo draghi m5s

M5s divisi su Draghi, ma 30% apre all’ex direttore della BCE: l’ipotesi del voto su Rousseau