in

Inghilterra, Robert Buncis ucciso a 12 anni con 70 coltellate da un suo amico

Un brutale omicidio è avvenuto a Fishtoft, vicino a Boston, nel Lincolnshire, in Inghilterra. Un ragazzino di 12 anni è stato ucciso con 70 coltellate da un suo amico di 15 anni. Il folle gesto ha scosso la piccola comunità, dove le famiglie dell’assassino e della vittima erano conosciute. Il fatto è accaduto lo scorso 12 dicembre 2020 e in questi giorni si è aperto il processo a carico dell’adolescente, accusato di omicidio. Assurde anche le motivazioni che hanno portato alla morte di Robert Buncis in Inghilterra. Vediamo insieme che cosa ha dichiarato il ragazzino artefice dell’omicidio. L’intera comunica non dimenticherà mai questo terribile fatto di cronaca.

Inghilterra, Robert Buncis ucciso con 70 coltellate da un suo amico

Era il 12 dicembre 2020 quando in un paesino Fishtoft, vicino a Boston, nel Lincolnshire, in Inghilterra, Robert Buncis è stato ucciso con 70 coltellate in un bosco vicino casa da un suo amico. Il giovane ha perso la vita a due giorni dal suo tredicesimo compleanno sotto i colpi inferti dall’amico, un 15enne di cui non sono state rese note le generalità perché non ancora maggiorenne, che poi si è accanito sul suo corpo tentando anche di decapitarlo. Come riportato da Caffeina Magazine, secondo quanto dichiarato dalla Lincoln Crown Court il colpevole “intendeva quanto meno infliggere gravi violenze” alla sua giovane vittima perché “era una spia”. L’imputato avrebbe provato anche a difendersi dichiarando di aver reagito solo per difesa personale perchè Buncis aveva con sè un coltello. La corte, però, ha respinto la tesi e ha concluso che il ragazzo ha compiuto il gesto perchè “motivato dalla rabbia ha cercato di punire il 12enne”. 

ARTICOLO | Asti, rapina e violenta una donna di 91 anni: 19enne agli arresti

ARTICOLO | Caso di Sara Pedri, dov’è la ginecologa scomparsa: trovate tracce umane nel Lago di Santa Giustina

Le parole dell’ispettore capo Richard Myszczyszyn

Durante il processo per l’omicidio di Robert Buncis, l’assassino ha ammesso di essere colpevole ma di non averlo premeditato. Come riportato da Caffeina Magazine, l’ispettore capo Richard Myszczyszyn, dell’East Midlands Special Operations Unit, ha detto che “Roberts avrebbe dovuto avere la vita davanti a sé, ma il suo futuro è stato rubato nel modo più violento”. Infine, l’accusa ha definito l’omicidio come “brutale e gratuito”. >> Altre News

Finale Euro2020, Sileri: “Attenzione ad assembramenti in piazza, rischiamo maxi focolai come a Maiorca”

Covid bollettino 8 luglio 2021

Covid oggi crescono i nuovi casi (1.394), resta stabile il numero dei ricoverati in terapia intensiva