in

Israel Kamakawiwoʻole, chi è il cantante hawaiano celebrato nel doodle di Google

Oggi giorno, o quasi, Google amplia la nostra cultura con Doodle insoliti proprio come quello di oggi, 20 maggio 2020, dedicato a Israel Kamakawiwoʻole. A primo impatto questo nome potrebbe dirti poco, ma in realtà lo conosci benissimo. La sua versione di Somewhere Over The Rainbow è diventata più famosa della canzone originale. Oggi Israel avrebbe compiuto 61 anni e così Google ha deciso di festeggiarlo.

Leggi anche –> Ivana Mrazova Instagram, dedica d’amore a Luca Onestini: «Non vedo l’ora di stare con te»

 Israel Kamakawiwoʻole

Chi è Israel Kamakawiwoʻole

Questa volta Google non ha scelto il solito Doodle per festeggiarlo, ma andando su Youtube si può assistere alla versione animata di Somewhere Over The Rainbow. La dolce voce di Israel Kamakawiwoʻole e il suo immancabile ukulele rallegrano la giornata. La versione originale del brano viene dal film Il mago di Oz ed è cantata dalla dolce Judy Garland. Questa canzone ha portato una gran fortuna ad Israel Kamakawiwoʻole, tanto da renderlo praticamente immortale. Altrettanto nota anche la sua cover del classico di Luis Armstrong What a Wonderful World, sempre accompagnato dal suo inseparabile ukulele. Israel Kamakawiwoʻole si è spento nel 1997 a causa di complicanze dovute alla sua obesità, l’artista statunitense di origini hawaiane era arrivato a pesare quasi 350 chili.

 Israel Kamakawiwoʻole

La sua carriera discografica

Aveva solo 38 anni quando è stato colpito da un infarto che non gli ha lasciato via di scampo. Nonostante la giovane età nel corso della sua vita è stato molto prolisso in ambito musicale ed è riuscito a sfornare ben 8 album, molti dei quali usciti in realtà postumi come raccolte speciali. Il suo disco più noto è Facing Future del 1993 e c’è chi dice che “il secondo album è sempre il più difficile”, nel caso di Israel è stato il più significativo. Nell’album c’erano alcuni brani poi diventati famosissimi come Over the Rainbow, colonna sonora de Il mago di Oz, e What a Wonderful World in una versione con accompagnamento all’ukulele.

1990 – Ka ʻAnoʻi
1993 – Facing Future
1995 – E Ala E
1996 – N Dis Life
1998 – Iz in Concert: The Man and His Music
2001 – Alone in Iz World
2007 – Wonderful World
2011 – Over the Rainbow

>>Alena Seredova Instagram “curve di seta” nei micro shorts: l’intreccio di gambe è pura seduzione

luca zaia

Luca Zaia furioso: «Troppa movida, pronti a tornare in casa con il silicone»

bergamo bambino morto cassonetto

Bergamo, morto bambino di 10 anni rimasto schiacciato in un cassonetto per abiti usati