in

Mara Venier si sbilancia su ‘Domenica In’: poi “bordata” a Mahmood

«Quando ho detto che sarebbe stata la mia ultima Domenica In l’ho detto perché ero convinta, lo pensavo davvero: quel programma sono 40 puntate, un anno della tua vita. Poi però ci rifletto e penso che potrei dire di no a tutto, anche a Sanremo, ma non a Domenica In. Sono già la zia Mara: se non mi cacciano, diventerò nonna Mara». Così ha dichiarato Mara Venier in un’intervista concessa oggi al “Messaggero”, confermando la sua presenza anche per la stagione 2021-2022.

leggi anche l’articolo —> Chi è Nicola Carraro: vita privata e carriera del marito di Mara Venier

Mara Venier

Mara Venier su “Domenica In” si sbilancia: poi la bordata a Mahmood

Quest’anno l’edizione di “Domenica In” sarà più lunga: l’intero daytime di Rai 1 arriverà fino a fine giugno. «Io speravo che finisse a maggio, vorrei andare a Santo Domingo dove ho casa. Più che un premio è una scelta di palinsesto. Il premio era arrivato da Stefano Coletta (direttore di Rai1, ndr), mi ha offerto la conduzione di alcune prime serate ma ho rifiutato. Preferisco fare bene una sola cosa alla volta. Ne parleremo più avanti. Intanto farò lo Zecchino d’Oro, una prima serata con Carlo Conti, a maggio», ha confidato la conduttrice. Non ha risparmiato un “attacco” al cantante Mahmood: «Il suo manager mi aveva pregato per l’intervista, poi ha cancellato tutto il venerdì prima. Sono cose che non si fanno, si è comportato molto male». Mara Venier ha parlato anche dei suoi progetti futuri: ci sarà un libro. «Lo dedicherò alla mia mamma. Parla di Alzheimer e spero che serva a chi vive con familiari malati. Si intitola ‘Mamma ti ricordi di me?’, perché a un certo punto non se lo ricordava più. Ma è un dolore troppo grande, non sono nemmeno convinta di volerlo finire», ha affermato il volto noto della tv.

Mara Venier

«Mi hanno cacciata, richiamata, rivoluta, e sono ancora qua»

Sul finale la conduttrice ha svelato cosa le dà più fastidio: «Non mi accendo più come un tempo, ora sono rassegnata. Ma sono abituata a lottare: se mi fai uno sgarbo ti cancello per sempre. Seleziono. Scremo. Ho cancellato due, tre al massimo. Ma non dirò mai chi. Detesto gli sleali e i traditori, i leccaculi e gli yes man. La gente che non ha il coraggio di dirmi le cose in faccia. Magari mi impunto su una cosa, ma se sbaglio, chiedo scusa. Ho sbagliato in passato, poi ho imparato a tirare fuori il carattere e a non farmi mettere i piedi in testa da nessuno. A 70 anni in questo ambiente non ci arrivi se non hai le palle. Mi hanno cacciata, richiamata, rivoluta, e sono ancora qua». Leggi anche l’articolo —> Veronica Pivetti, la malattia e l’amicizia speciale con Giordana: «Ho sofferto per sei anni…»

covid e scuola Azzolina

“Tamponi rapidi a tutti ogni settimana”, il piano del ministro Bianchi per riportare bambini e ragazzi sui banchi

Rita Rusic fidanzato

Oggi è un altro giorno, Rita Rusic parla dell’amore: «Adesso non ho paura di un uomo giovane»