in

Maria De Filippi ricorda il primo incontro con suo figlio adottivo: «Pensavo: e se gli faccio schifo?»

La regina di Canale 5 Maria De Filippi è amata moltissimo dal suo pubblico. Grazie ai suoi numerosi programmi riesce ogni volta a conquistare i loro cuori. La De Filippi però, fuori dal palcoscenico, è una persona molto riservate e della sua vita privata si conoscono davvero pochissime informazioni. “Queen Mary”, così come la chiamano i suoi fan, è sposata con Maurizio Costanzo dal 1995. La coppia nei primi anni del 2000 ha adottato un bambino, che oggi è diventato un uomo: Gabriele, nato nel 1992. Durante una lunga intervista al Corriere della Sera, Maria De Filippi ha deciso di parlare del figlio adottivo e di raccontare questa sua meravigliosa esperienza.

Leggi anche –> Maria De Filippi e la malattia che la tormenta: «Non è stata una passeggiata…»

Maria De Filippi parla del figlio adottivo Gabriele

Maria De Filippi ha deciso di aprire il suo cuore ai fan attraverso una lunga intervista al Corriere della Sera. La nota conduttrice di Canale 5 ha deciso di parlare di suo figlio adottivo Gabriele. Quando “Queen Mary” lo ha incontrato la prima volta, il ragazzo, ora 28enne, aveva solo 10 anni: la presentatrice era terrorizzata, aveva paura di non piacergli. Invece, il loro si è trasformato in un meraviglioso rapporto madre figlio. Ricordando con nostalgia quel magico giorno che le ha cambiato la vita, Maria De Filippi ha dichiarato: «Quando ho incontrato per la prima volta Gabriele: lui aveva 10 anni, io ero tesa come una corda di violino, era come andare a un esame a cui non ti puoi preparare. Pensavo: e se gli faccio schifo?»

Maria De Filippi figlio

La sua incredibile esperienza sul palco dell’Ariston

Sempre durante l’intervista al Corriere della Sera, Maria De Filippi ha parlato anche della sua avventura come conduttrice del Festival di Sanremo 2017: «La prima serata di Sanremo, perché ero terrorizzata, non ho mai avuto un panico così né alla maturità né alla laurea. Avevo la salivazione azzerata, continuavo a camminare con lo sguardo fisso e le labbra che si accartocciavano all’indentro. Ho scelto di non fare le scale non per la paura di cadere, ma per la certezza di cadere perché mi tremavano le gambe. Ero preparata su ogni autore di ogni canzone, anche se poi ho capito che non serviva a niente. Ho finito quella sera nella convinzione di tornare a Roma, talmente ero stanca. Se potessi la rivivrei in modo completamente diverso». Una donna in carriera e una mamma a dir poco perfetta. Non c’è nulla da fare, “Queen Mary” riesce a trasformare ogni cosa in un gran successo. >> Altri Gossip

giacomo urtis cambio sesso

Giacomo Urtis cambio sesso, l’abitudine quotidiana: «Mi rimanda al profumo della patatina»

Andrea Vianello

Andrea Vianello malattia: «Non sapevo neppure più dire il nome dei miei figli»