in

Mario Draghi, telefonata di due ore con Beppe Grillo: il M5s cambia passo

Nel primo giorno di consultazioni di Draghi con i partiti, i segnali più importanti sono arrivati fuori da Montecitorio. Nello specifico, dalla sala incontri allestita dinnanzi al palazzo e da una telefonata lunga due ore. “Super Mario”, che sa di aver bisogno dell’appoggio dei grillini, ha visto “cambiare il vento” subito dopo l’intervento del premier uscente Conte, che ha finalmente rotto il silenzio, e uno scambio di battute con Beppe Grillo che ha deciso di rientrare nella Capitale.

leggi anche l’articolo —> Governo Draghi, Crosetto sgancia “granata” sulla Lega di Salvini: «Il rischio c’è…»

Mario Draghi Beppe grillo

Mario Draghi, telefonata di due ore con Beppe Grillo: il M5s cambia passo

“Il Fatto Quotidiano” racconta infatti che dopo l’incontro con Giuseppe Conte, Mario Draghi ha chiamato il fondatore del MoVimento 5 Stelle, che a sua volta ha poi telefonato a Vito Crimi per convincerlo a schierare il partito per il sì alla fiducia al presidente del Consiglio incaricato. «Devi dire ai parlamentari che bisogna ascoltare Draghi, sedersi al tavolo con lui», avrebbe detto Grillo. La stessa cosa che accadde nel 2019, quando il garante convinse Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista a stringere un’alleanza con il Partito Democratico. Grillo e il possibile nuovo premier avrebbero parlato anche, e molto, di reddito di cittadinanza. Draghi si sarebbe mostrato aperto al dialogo e avrebbe offerto garanzie: «Ha promesso che non verrà smantellato, anzi che verrà migliorato», avrebbe raccontato Grillo ai suoi. Un’indiscrezione rilanciata in queste ore anche dal sito “Today”. Annullata dunque l’ipotesi di voto sulla piattaforma Rousseau: i grillini cambiano passo. Luca De Carolis, su “Il Fatto Quotidiano”, racconta anche che ieri notte Grillo è arrivato a Roma. Probabilmente nelle prossime ore sarà in Parlamento.

draghi grillo

Conte: «Io ci sono e ci sarò», nega di essere tra i sabotatori

Intanto l’ex presidente della Bce, che sta tessendo sapientemente la sua tela, ha iniziato il primo giro di colloqui con le formazioni minori e incassato i primi sostegni (Azione, + Europa, Maie-Europeisti, Cambiamo! di Giovanni Toti). A cambiare ovviamente le sorti l’intervento dell’ex premier, che ha aperto la strada ad “un governo politico”. Conte ha rivendicato di “lavorare per il bene del Paese”, e ha negato di “essere tra i sabotatori”. Rivolgendosi ai Cinque Stelle che lo hanno sempre sostenuto Conte ha detto: “Io ci sono e ci sarò”. E non è finita qui: l’avvocato del popolo si è mostrato come punto di riferimento per la coalizione di centrosinistra. Leggi anche l’articolo —> Conte: “Da me nessun ostacolo a Draghi. I sabotatori cercateli altrove”

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

omicidio ciatti

Omicidio Ciatti, arrestato in Francia uno dei ceceni accusati del pestaggio

Ricciardi arcuri

Vaccino Covid, Ricciardi “silura” Arcuri: «Bisogna affidare la gestione a Guido Bertolaso»