in

Meghan Markle confessa: «Perdere un bambino è un dolore insopportabile»

L’ex attrice statunitense Meghan Markle è sposata dal 2018 con il principe Henry. La coppia  ha avuto un bambino, Archie Harrison Mountbatten-Windsor. Meghan e Henry erano pronti ad allargare la famiglia con un secondogenito, ma la donna purtroppo ha perso il bambino. Il doloroso episodio risale a una mattina dello scorso luglio, quando la duchessa di Sussex ha avuto un malore mentre cambiava il pannolino ad Archie. Nonostante la corsa in ospedale, è stato impossibile impedire l’aborto. Meghan ha raccontato del suo dolore e di quello di Henry attraverso una lunga intervista al New York Times. Un momento difficile che la coppia sta cercando di superare giorno dopo giorno.

Leggi anche –> Meghan Markle intervista “scomoda”: «Esisto, non vivo. Non sto troppo bene!»

Meghan Markle

Meghan Markle

Meghan Markle, la duchessa di Sussex, ha raccontato in un editoriale pubblicato sul New York Times di aver avuto un aborto spontaneo lo scorso luglio. Nell’editoriale, intitolato The Losses We Share, Meghan ha scritto: «In una mattina di luglio, dopo aver cambiato il pannolino (ad Archie) ho sentito una forte fitta all’addome. Mi sono accasciata a terra, tenendo in braccio Archie, e cantandogli una ninna nanna, per tranquillizzare entrambi e quella melodia allegra era in netto contrasto con la sensazione che ci fosse qualcosa di anomalo. Sapevo, mentre stringevo il mio primo figlio, che stavo perdendo il secondo». Un racconto doloroso e commovente che è arrivato al cuore di tutti i lettori. Per lei e Henry è stato “un dolore insopportabile”. Dopo il malore, la duchessa si è ritrovata in ospedale con il marito al suo fianco: «Giacevo in un letto d’ospedale, tenendo la mano di mio marito. Sentii l’umidità del suo palmo e gli baciai le nocche, bagnate da entrambe le nostre lacrime. Fissando le fredde pareti bianche, i miei occhi si velarono. Ho provato a immaginare come saremmo guariti».

“Un dolore insopportabile”

Meghan Markle ha concluso così il suo lungo editoriale sul New York Times: «Perdere un bambino significa portare un dolore quasi insopportabile, vissuto da molti ma di cui parlano pochi. Nel dolore della nostra perdita, io e mio marito abbiamo scoperto che in una stanza di 100 donne, da 10 a 20 di loro avrebbero sofferto di aborto spontaneo. Eppure, nonostante l’impressionante comunanza di questo dolore, la conversazione rimane un tabù, piena di vergogna (ingiustificata) e perpetua un ciclo di lutto solitario». >> Altri Gossip

Strage di Erba: nuovo testimone a Le Iene difende Rosa e Olindo e fornisce inedite informazioni

Com’è diventata Rory di Una mamma per Amica: Alexis Bledel ora è madre