in

Morto il compositore greco Mikis Theodorakis: una vita spesa tra musica e impegno politico

Morto Mikis Theodorakis, il più famoso compositore greco della storia, l’uomo del Sirtaki, la colonna sonora della resistenza contro la dittatura dei colonnelli. Venne torturato, a quel tempo, scrisse canzoni tratte dalle poesie di Alekos Panagulis. Una vita la sua spesa tra musica e impegno politico. Si è spento all’ospedale di Atene all’età di 96 anni. A rendere nota la notizia il ministro della Cultura.

leggi anche l’articolo —> Addio a Daniele Del Giudice: lo scrittore de “Lo stadio di Wimbledon” è morto a 72 anni

theodorakis-

Morto il compositore greco Theodorakis: una vita spesa tra musica e impegno politico

Mikis Theodorakis è morto all’ospedale di Atene a 96 anni dopo una vita lunga, carica di gloria, dolore, intrecciata con alcuni degli eventi più tragici del ‘900. Era nato il 29 luglio 1925 nell’isola greca di Chio e fin da ragazzo ha intrecciato il suo talento con il coraggio politico. Già a 18 anni, quando studiava al conservatorio di Atene, era entrato nella Resistenza all’occupazione nazi-fascista. Per questo ha subito torture, soprusi; è stato in un campo di prigionia durante la guerra civile. Una volta libero, nel 1950, dopo il diploma al Conservatorio, si è dedicato alla musica, alla sua carriera: soggiorni a Parigi e Mosca. Ha diritto un’orchestra sinfonica ma, soprattutto, ha cominciato a dedicarsi alla musica popolare che lo ha reso famoso.

theodorakis-

Aveva scritto la musica per “Zorba il greco”

Negli anni ’60 Mikis Theodorakis è il protagonista del rinnovamento culturale greco. Ha firmato la colonna sonora di “Fedra” di Jules Dassin, con Melina Mercouri nel ruolo della protagonista e la musica per “Zorba il greco”, il film di Michael Cacoyannis con Anhtony Quinn. Negli anni dell’esilio, aveva firmato altri due tra i suoi lavori più celebri: la colonna sonora di “Z- L’orgia del potere”, che nel 1967 vinse il premio Oscar per il miglior film straniero, e “Serpico”, la storia, vera, del poliziotto Frank Serpico, interpretato da Al Pacino. In Italia ha conosciuto un grande successo popolare nel 1970 grazie a “Caro Theodorakis … Iva”, un album di Iva Zanicchi, che all’epoca era all’apice della sua carriera di cantante. Leggi anche l’articolo —> Festival di Venezia, Benigni incanta gli spettatori con la sua dedica d’amore eterno

theodorakis-

 

 

 

 

Roberto Benigni e la richiesta al Presidente Mattarella: “Resti di più, porta bene”

5 lavori nell’animal care: formazione e mansioni