in

La morte di Milva, parla la figlia: «Non c’entra il Covid e neanche l’Alzheimer»

Milva morta per cosa? Il mondo dello spettacolo è in lutto, piange la perdita della cantante che si è spenta sabato 24 aprile 2021, all’età di 82 anni. Martina Corgnati, la figlia della Rossa, ha chiarito i motivi del decesso della madre, che si era ritirata dalle scene per una malattia. Ed era stata proprio la figlia della Pantera di Goro a portare avanti la sua arte. Nel 2018 la Corgnati era salita sul palco dell’Ariston al Festival di Sanremo per ritirare il Premio alla Carriera assegnato alla madre.

leggi anche l’articolo —> È morta Milva, la “Rossa” della canzone italiana

Milva morta

Milva morta, parla la figlia: «Non c’entra il Covid e neanche l’Alzheimer»

Figlia di Milva e del regista e produttore discografico Maurizio Corgnati, Martina Corgnati, che ha intrapreso una fortunata carriera come storica dell’arte, ha concesso un’intervista al “Corriere della Sera”, in cui ha subito chiarito: «Mia madre Milva non è morta per Covid, ma di una malattia neurologica e degenerativa che non era però Alzheimer. Una patologia forse legata alla vita intensa e ricca di impegni e sfide artistiche continue, a una specie di stanchezza antica e profonda». Della madre, però, Martina non ha voluto ricordare solo gli ultimi anni fatti di sofferenza e malattia, ma soprattutto gli insegnamenti. La passione per il lavoro, la dedizione per la musica e l’umiltà prima di salite sul palcoscenico: questi gli ingredienti del suo modo di fare arte. «Quando lavoro penso a lei, alla sua coerenza e alla sua passione. Amare la bellezza, amarla fino in fondo senza riserve», ha affermato Martina Corgnati al “Corriere della sera”. E ancora: «Mi ha insegnato a essere molto responsabile. Poi l’etica sul lavoro, rigore, attenzione. E a cercare sempre l’eccellenza. Lei era esigente prima di tutto con se stessa. Temeva la mediocrità e la superficialità».

Milva morta

L’intervento a “Storie Italiane”

La figlia di Milva ha parlato della cantante anche stamane al programma di Rai Uno, “Storie Italiane”: «Vi ringrazio, sono commossa dall’attenzione, dalla partecipazione, i dolori, i messaggi, migliaia e migliaia che arrivano da tutta Italia, da tutte le sfere e i livelli». Sulla poca considerazione a livello italiano della madre Martina Corgnati ha detto: «Sapevo quanto lei ci tenesse ad essere riconosciuta a Sanremo, non l’aveva mai riconosciuta fino in fondo. Tante presenze… Ed era giusto che lei avesse quel premio. Per altre cose, la mamma ha avuto riconoscimenti ufficiali in Francia, in Germania, ma anche un ordine di merito della Repubblica italiana. Ricordo che una volta, eravamo in un ristorante a Milano, l’allora presidente Pertini si alzò andò a baciarle la mano e le disse ‘lei è una grande’. Ci dice quanto in fondo ci sia stato un riconoscimento ad un certo livello. Il mondo dello spettacolo l’ha accusata di essere stata troppo snob e raffinata, ma dall’altra troppo popolare, è difficile avere una versatilità quale quella che aveva lei». Leggi anche l’articolo —> Milva malattia, ne soffriva dal 2010: «Aveva perso la coscienza del tempo»

 

anticorpi monoclonali Covid

Anticorpo “bispecifico”, la novità per combattere il Covid: è efficace contro le varianti

calendario riaperture 2021

Calendario riaperture 2021: le tappe della ‘roadmap’ del governo