in

Monitoraggio Iss di oggi, la pandemia rallenta ma 6 regioni a rischio alto: proseguire con le restrizioni

Monitoraggio Iss oggi, “si osserva una lieve riduzione di incidenza a livello nazionale che rimane comunque alta, insieme ad una decrescita dell’indice di Rt sotto il livello di 1”. Lo sottolinea la bozza del report del monitoraggio Iss-ministero della Salute sull’epidemia di Covid-19 in Italia, relativo alla settimana 22-28 marzo. L’incidenza, dunque, “resta elevata e ancora lontana da livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti”. (prosegue dopo la foto)

Monitoraggio Iss oggi

Monitoraggio Iss oggi: rischio alto in 6 regioni, moderato in altre 13, a rischio basso solo Bolzano e Basilicata

“Complessivamente il rischio epidemico si mantiene a livelli elevati con 6 regioni che hanno un livello di rischio alto: Calabria, Emilia-Romagna, Liguria, Puglia, Toscana e Veneto”, si legge nella bozza del report settimanale dell’Istituto superiore di sanità. Sono invece 13 le Regioni e province autonome che hanno una classificazione di rischio moderato, di cui 7 ad alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane.

Si tratta di Abruzzo, Campania, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, la provincia autonoma di Trento, Sardegna, Sicilia, Umbria e Valle d’Aosta. Le 7 “ad alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane” sono Campania, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, la provincia autonoma di Trento e la Sardegna. Una situazione dunque ancora seria che rende necessario il mantenimento delle restrizioni, inevitabili per contenere il contagio e alleggerire la pressione sulle strutture ospedaliere. Con la classificazione a rischio basso restano solo la Basilicata e la provincia autonoma di Bolzano.

ARTICOLO | Zona rossa o arancione, le regioni cambiano di nuovo colore? La situazione

ARTICOLO | Variante inglese più letale, l’elenco dei nuovi sintomi: cosa sappiamo 

La presenza delle varianti e l’incidenza dei casi

Il report di oggi dell’Iss pone l’accento anche sulla presenza delle varianti della Sars-Cov-2 in Italia, responsabili della terza ondata.  “La circolazione di varianti a maggior trasmissibilità –  si legge nella bozza del report – è largamente dominante nel Paese il che indica la necessità di non ridurre le attuali misure di restrizione”.

“Si osserva una lieve riduzione di incidenza a livello nazionale che rimane comunque alta, insieme ad una decrescita dell’indice di Rt sotto il livello di 1”, afferma l’Istituto superiore di sanità. L’incidenza, dunque, “resta elevata e ancora lontana da livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti”.

Tommaso Stanzani Amici 20

Chi è Tommaso Stanzani, vita privata e carriera: tutto sul ballerino di “Amici 20”

Denise Pipitone: prelevato il Dna a Olesya Rostova, ore cruciali per la verità