in

Nuovo decreto Covid, cosa cambia: da lunedì 10 gennaio mini lockdown per i no vax

Nuovo decreto Covid in Gazzetta Ufficiale, cosa cambia per i no vax. Da lunedì 10 gennaio 2022 ulteriore stretta per chi non ha ricevuto nemmeno una dose di vaccino. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato il dpcm emanato dal Governo lo scorso 5 gennaio, contenente l’obbligo del vaccino contro il Covid per gli over 50. Non solo: vediamo insieme tutte le misure previste nel testo relative a ristoranti, hotel, palestre e trasporti.

leggi anche l’articolo —> Rientro a scuola, braccio di ferro tra De Luca e il governo Draghi: parla il ministro Bianchi

nuovo decreto covid

Nuovo decreto Covid, cosa cambia: da lunedì 10 gennaio mini lockdown per i no vax

Questo è l’ultimo week end prima del semi-lockdown per i non vaccinati. Da lunedì 10 gennaio i no vax potranno spostarsi solo con auto privata o su taxi. Difatti per salire su un aereo, un
treno, una nave, un autobus in città o in metro servirà il Super Green Pass, che si ottiene, lo ricordiamo, solo se si è guariti o se si è vaccinati. Sempre da lunedì 10, per entrare in un albergo, sedersi al tavolo di un bar o mangiare al ristorante, sarà necessario esibire il Super Green pass. Ci vorrà la certificazione rafforzata anche per bere un caffè al bancone. Veniamo alle cerimonie: potranno partecipare a battesimi, cresime e matrimoni solo le persone vaccinate o guarite dal Covid, quindi munite di Super Green pass. Lo sport chiude le porte ai no vax: niente più palestra, né piscina, né attività in centri e circoli sportivi all’aperto e al chiuso per chi non è vaccinato. Anche per usare gli impianti di risalita e sciare non basterà più il tampone negativo.

decreto covid

Green Pass Base quando serve

Ai no vax non sarà consentito nemmeno più recarsi in biblioteca, andare in un museo o fare delle ricerche negli archivi. Il Super Green Pass sarà necessario anche per partecipare a congressi, fiere e per entrare in un parco divertimenti. Il Green Pass base sarà valido solo per i servizi alla persona, tra gli altri parrucchieri ed estetiste, ma anche pubblici uffici, servizi postali, bancari e finanziari e attività commerciali, “fatte salve eccezioni che saranno individuate con atto secondario per assicurare il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona”. Con le nuove misure varate dal governo per accedere a questi servizi sarà sufficiente il Green pass base, dunque essere vaccinati, guariti dal Covid oppure mostrare l’esito negativo di un tampone. Leggi anche l’articolo —> Draghi e l’ipotesi di dimissioni sul tavolo, il quadro ora si complica: “Mario, non ti disunire”

nuovo decreto covid

Seguici sul nostro canale Telegram

rientro a scuola

Rientro a scuola, braccio di ferro tra De Luca e il governo Draghi: parla il ministro Bianchi

rigopiano oggi

Rigopiano, il ricordo di Francesca sopravvissuta alla tragedia e al fidanzato: «Dovevamo sposarci»