in

Nuovo Decreto Covid, dalle riaperture al certificato verde: tutte le novità oggi al Cdm

Nuovo Decreto Covid oggi, 21 aprile 2021, il Governo dovrà ufficializzare i provvedimenti che entreranno in vigore dal 26 aprile. Lo stato d’emergenza Covid verrà prolungato fino al 31 luglio (attualmente previsto fino al 30 aprile). Anche lo smart working verrà portato avanti fino al 30 settembre. Ancora in dubbio la scelta di tenere o meno il coprifuoco alle 22. La Lega e le Regioni premono perché slitti alle 23. Vediamo quali saranno le nuove regole riguardanti il ritorno alla zona gialla, la riapertura di ristoranti, cinema, teatri e palestre, l’introduzione della certificazione verde per gli spostamenti tra Regioni, il rientro a scuola e le novità sulle visite a parenti e amici.

Nuovo decreto Covid oggi

Anticipazioni nuovo Decreto Covid oggi: spostamenti

Ci si potrà spostare liberamente tra due regioni in zona gialla ma la storia cambia per le zone rosse e arancioni. Dal 26 aprile sarà necessario per muoversi in queste zone, essere in possesso di un pass. Il cosiddetto certificato verde avrà validità di sei mesi per chi è guarito dal Covid o si è vaccinato e che avrà invece valenza di 48 ore per chi effettua un tampone con esito negativo. Il pass può essere in formato cartaceo o digitale. Chi risulta positivo al Covid non potrà muoversi. Restano consentiti gli spostamenti per motivi di lavoro, salute e urgenza anche nelle Regioni in zona rossa e arancione: in quel caso servirà l’autocertificazione, così come avveniva finora. Per gli spostamenti turistici, invece, servirà il pass.

Le regole per gli spostamenti all’interno delle zone resta invariato ma cambiano le regole per le visite a parenti e amici. Saranno consentiti spostamenti verso abitazioni private una sola volta al giorno per un limite di quattro persone (finora erano due) a cui si potranno aggiungere persone minorenni (finora erano minori di 14 anni), con disabilità o non autosufficienti conviventi. Questi spostamenti restano vietati in zona rossa. In zona arancione gli spostamenti avverranno all’interno del comune e in zona gialla all’interno della regione.

ARTICOLO | Video di Beppe Grillo, Giuseppe Conte rompe il silenzio, ma la sua risposta non è gradita

ARTICOLO | Usa, svolta contro il razzismo: l’agente Derek Chauvin condannato per l’omicidio dell’afroamericano George Floyd

riapertura scuole

Nuovo decreto Covid: le regole per le riaperture

Dal 26 aprile in zona gialla i ristoranti potranno restare aperti ma solamente con consumo al tavolo all’aperto sia a pranzo che a cena. Viene consentita la ristorazione negli alberghi e nelle strutture ricettive senza limiti di orari, ma solamente per i clienti che pernottano al loro interno. Riaprono anche teatri, sale da concerto e cinema, con posti a sedere pre-assegnati, distanza di almeno un metro tra gli spettatori e una capienza non oltre il 50% del totale. Gli spettatori potranno essere al massimo 1.000 all’aperto e 500 al chiuso. Tutto questo solamente in zona gialla.

Nelle zone gialle e arancioni tornano a scuola in presenza tutti gli studenti, mentre nelle zone rosse le lezioni si terranno in presenza fino alla terza media, nei licei è prevista la DAD, didattica a distanza, al 50%. La questione della didattica in presenza è ancora molto discussa perchè attualmente le scuole non sono in grado di garantire un ritorno al 100% in presenza con le giuste precauzioni. Il Governo però vorrebbe che più studenti possibile tornino in aula.>>Tutte le notizie

Giuseppe Conte

Video di Beppe Grillo, Giuseppe Conte rompe il silenzio, ma la sua risposta non è gradita

Terremoto oggi Brindisi

Terremoto oggi in Puglia, scossa sismica in mare davanti a Brindisi