in

Sospetto pacco bomba su una panchina a Pescara: evacuate le scuole e Via Italica

Questa mattina, poco dopo le 9, un pacco sospetto è stato lasciato su una panchina in via Italica, nella zona di Porta Nuova, a Pescara, vicino alle Scuole Fellini e Ravasco. Si trattava di una scatola di cartone, sottile, avvolta nel nastro adesivo. Il pacco, per il timore che potesse essere una bomba, ha attirato l’attenzione dei passati, che senza perdere tempo hanno allertato i Carabinieri. Per evitare una possibile tragedia, quindi del tutto in via precauzionale, le scuole sono state immediatamente fatte evacuare.

pacco bomba sospetto

Pacco bomba sospetto Pescara, chiusa via Italica

Dopo l’allerta, i Carabinieri del Comando provinciale di Pescara sono giunti sul posto, e insieme a loro anche i Vigili del Fuoco, i volontari della Protezione Civile e gli agenti della Questura di Pescara. Subito è stata imposta l’evacuazione delle scuole nelle vicinanze, ovvero l’IPSSEOA “Filippo De Cecco”, l’Istituto Comprensivo “Ravasco” e la Scuola materna Statale. Gli studenti sono stati accompagnati nelle aree esterne opposte alla strada, per metterli in sicurezza. Inoltre, la via è stata chiusa al traffico. Successivamente sono giunti anche gli artificieri dell’Arma di Chieti, che hanno fatto brillare la scatola sospetta. Solo allora l’allarme è rientrato: dall’analisi, infatti, sono state rinvenute delle batterie e un telefono.

In via Italica a coordinare le operazioni è stato il comandante del Reparto Operativo del Comando Provinciale dei Carabinieri colonnello Gaetano La Rocca. Ora, comunque, sono in corso le indagini dei militari dell’Arma. >> Tutte le notizie di UrbanPost

ARTICOLO | Catania, certificavano false esenzioni per il vaccino Covid: denunciati 4 medici

ARTICOLO | L’Aquila, bimba di 5 anni muore travolta da una porta da calcio

Seguici sul nostro canale Telegram

draghi senato

Draghi: «In Italia campagna vaccinale più spedita della media Ue» [VIDEO]

Mamma e figlio travolti sulle strisce ad Arezzo: bimbo trasportato in codice rosso al Meyer