in

Paola Taverna «voleva fare la vicepremier…»: la ‘verità’ sulla pentastellata

Vicepresidente del Senato della Repubblica, Paola Taverna – finita al centro di alcune polemiche per le mancate restituzioni – è oggi nel mirino di alcuni grillini. A riferirlo ilGiornale.it. Da tempo in forza al Movimento 5 Stelle, la Taverna viene descritta dai colleghi come una ‘dissidente nascosta’, delusa per essere stata esclusa dal nuovo governo. È in particolare Filippo Gallinella, presidente della Commissione Agricoltura alla Camera, a puntare il faro sulla vicepresidente romana.

Leggi anche >> M5s in balia delle onde, indiscrezione su mail di Beppe Grillo: Crimi potrebbe diffonderla

Paola Taverna oggi

Paola Taverna oggi, le indiscrezioni sulla vicepresidente

“All’inizio di questa legislatura – scrive Gallinella sul proprio profilo Facebook pubblicando lo screenshot di un articolo in cui la Taverna afferma di aver donato le sue indennità – avevamo preso un impegno, tra i tanti: quello di rinunciare all’indennità di carica”. “Si vede – aggiunge il pentastellato – che le regole valgono solo per alcuni. Avendo più volte segnalato la cosa senza avere risposta, da domani la richiederò anche io e la donerò come la collega Paola Taverna”. Non l’unico colpo per la vicepresidente del Senato. Vista da alcuni colleghi come ‘dissidente nascosta’, della Taverna è stato detto: “Paola gioca con due mazzi di carte: – questa la confessione di una grillina ‘anonima’ a ilGiornale.itun po’ fa la governista e un po’ la dissidente, mimetizzandosi nelle parole del suo ‘portavoce’ Dessì. Facile così…”.

Paola Taverna oggi

“Paola voleva fare la vice premier nel governo Draghi”

Le indiscrezioni sulla Taverna non sembrano esaurirsi: è sempre ilGiornale.it a riportare le curiosità sulla vicepresidente. Riferite, questa volta, da “un grillino facente parte del vecchio governo”. “Paola – confessa il pentastellato – voleva fare la vice premier nel governo Draghi. Sembra fantascienza, ma è così. E da quando ciò non è avvenuto è iniziato il suo mal di pancia”. Da qui l’interesse ambiguo della Taverna: “con un occhio rivolto al M5S” e con un altro alle mosse di Alessandro Di Battista, ormai ex pentastellato. “Dibba – conclude il grillino al quotidiano milanese – voleva un ministero. Poi la cosa non è andata in porto e ha iniziato a fare al suo solito la guerra a tutto e a tutti, fino al punto che sappiamo. Ma adesso viene il bello: approfittando del suo legame con Paragone, sta cercando di spingere i colleghi fuoriusciti verso Italexit. Roba da rabbrividire”. >> Media sondaggi Termometro Politico: brutte notizie per i partiti di centro-sinistra

Paola Taverna oggi

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Francesca Romano

Attentato Congo

Attentato in Congo, chi c’è dietro? L’ipotesi sulle forze per la liberazione del Ruanda

Giuseppe Conte Dario adamo

Conte, il social media manager svela strategie di comunicazione: tutti i segreti