in

Partita del cuore 2021, Aurora Leone cacciata perché donna: la denuncia su Instagram

Quest’anno la Partita del cuore 2021 vedrà come protagonisti contro la Nazionale Cantanti, la squadra dei Campioni. Tra gli ospiti, hanno ricevuto l’invito a scendere in campo due componenti dei “The Jackal”: Ciro Priello e Aurora Leone. La ragazza ha denunciato tramite Instagram un episodio di misoginia che ha subito dagli organizzatori dell’evento. La giovane attrice, insieme al collega Ciro Priello, ha raccontato l’accaduto in una lunga storia su Instagram. “Il direttore generale Pecchini della nazionale cantanti ha detto che me ne dovevo andare”. Gli organizzatori hanno subito replicato alla Leone, accusandola di aver mentito per farsi pubblicità. Alcuni cantanti, tra i quali Eros Ramazzotti e i Negramaro, hanno chiesto scusa ai due attori per l’episodio.

Partita del Cuore 2021 Aurora Leone

Partita del cuore 2021 Aurora Leone cacciata da Gianluca Pecchini

Aurora Leone ha raccontato insieme a Ciro Priello, la triste vicenda successa ieri, 24 maggio 2021. Alla vigilia della partita del cuore 2021, che andrà in onda questa sera su Canale 5, i due attori hanno partecipato alla cena pre-incontro. La ragazza ha raccontato tramite stories nel suo profilo ufficiale Instagram (@auroraleone), che il direttore generale della nazionale cantanti Gianluca Pecchini le ha detto di andarsene dal tavolo, perché riservato ai soli uomini. “Vai al tavolo delle donne”, le avrebbe detto Pecchini. Aurora ha risposto al direttore dicendogli di essere stata convocata. “Gli abbiamo fatto presente che io sono una giocatrice”. Pecchini non ha mollato l’osso e l’ha esortata di nuovo ad andarsene dal tavolo. “Non farmi spiegare perché non puoi stare seduta qui, tu non puoi e basta Ciro può stare, tu no, non puoi stare seduta qui, sono le nostre regole. Non mi fare spiegare perché”.

Pecchini ha continuato a confermare la sua posizione: una donna lì non ci doveva stare. “Le donne non giocano. Queste sono le nostre regole e se non le volete rispettare dovete uscire da qua”. Ciro ha sostenuto la collega e insieme hanno deciso di non partecipare alla Partita del Cuore. Aurora ha dichiarato che apprezza lo scopo dell’evento. “Avrei voluto giocare anche in quanto donna, mi spiace parlare in questi toni ma quello che mi è successo non mi era mai capitato. Mi sono sentita in imbarazzo”. I due attori hanno anche detto di aver ricevuto la solidarietà di alcuni cantanti che hanno assistito all’episodio. “Andro dei Negramaro, Eros Ramazzotti e altri cantanti sono venuti a chiederci scusa – ha affermato Aurora – quello che è successo ha dell’incredibile. Questo è un evento di beneficenza, non la Champions League”.

ARTICOLO | Chi è Gabriella Perino, la compagna di Gerry Scotti: come si sono conosciuti

ARTICOLO | “Uomini e donne”, arriva la scelta di Giacomo Czerny: pubblico spiazzato

Partita del Cuore 2021 Aurora Leone

Partita del Cuore 2021: la replica degli organizzatori ad Aurora

Gli organizzatori hanno negato di aver trattato male Aurora Leone. “Alessandra Amoroso, Madame, Jessica Notaro, Gianna Nannini, Loredana Bertè, Rita Levi di Montalcini, sono solo alcuni dei nomi delle tantissime donne che, dal 1985 (anno in cui abbiamo giocato a San Siro, per la prima volta , contro una compagine femminile) , hanno partecipato e sostenuto i nostri progetti.” Così hanno replicato in un comunicato ufficiale. “Il nostro staff è quasi interamente composto da donne, come quest’anno sono donne le conduttrici e la terna arbitrale della partita del cuore”.

La Nazionale Italiana Cantanti, hanno sottolineato gli organizzatori, non ha mai discriminato. “C’è solo una cosa nella quale non è mai scesa a compromessi: Noi non possiamo accettare arroganza e minacce dai nostri ospiti”. Secondo la Nazionale Italiana Cantanti la presunta vittima, Aurora avrebbe semplicemente cercato di farsi pubblicità “sfruttando e manipolando 40 anni di storia”.>>Tutte le notizie e i gossip

La Spezia, travolto un 42enne sull’A12: caccia al mezzo pirata

rocco morabito arrestato

Arrestato Rocco Morabito: era al secondo posto nella lista dei latitanti più pericolosi