in

Prof ucciso a Tarquinia, ipotesi movente passionale: di mezzo una ricercatrice

Prof ucciso a Tarquinia, le ultime notizie sul caso – A «Storie Italiane» si è parlato a lungo del caso di Dario Angeletti, il docente dell’Università della Tuscia e biologo ucciso, qualche giorno fa, e ritrovato cadavere all’interno della sua auto. Per quel colpo d’arma da fuoco alla testa è sospettato un unico uomo: il delitto sembra avere una matrice passionale.

leggi anche l’articolo —> Viterbo, professore trovato morto in auto: è stato ucciso, forse fuggiva da qualcuno

prof ucciso Tarquinia

Prof ucciso a Tarquinia, la pista del movente passionale: di mezzo una ricercatrice

Chi ha ucciso il professore morto a Tarquinia? Il presunto omicida, ora ricoverato all’ospedale di Viterbo, pare fosse geloso del rapporto che Dario Angeletti aveva con una collega, una ricercatrice di 39 anni. La donna si era trasferita tempo fa nella Tuscia da Pavia, forse proprio per sfuggire al 70enne. I due avrebbero avuto una relazione, poi terminata, ma l’anziano non l’avrebbe accettata. Pare che la collega l’avesse denunciato per stalking prima di allontanarsi da quelle attenzioni morbose. Come riporta anche “Leggo” il rapporto tra Angeletti e la ricercatrice avrebbe ingelosito il 70enne, che avrebbe perso la testa. “Per ora sembra confermato però che tra la vittima e la donna ci sarebbe stata solo una bella amicizia e nessuna relazione extraconiugale”, si legge nell’articolo.

prof ucciso Tarquinia

La criminologa Roberta Bruzzone: «Non credo ci siano dubbi sulla dinamica che sta emergendo»

A confermare il movente passionale anche l’inviato della trasmissione «Ore 14»: pare che il professore e il presunto omicida avessero un appuntamento nel parcheggio dove è stata rinvenuta l’auto col corpo del docente. I due avrebbero discusso nella macchina di Angeletti, poi i toni si sarebbero accesi sempre di più, fino al drammatico epilogo. Il settantenne, come dicevamo, per il momento resta ricoverato in ospedale e non avrebbe risposto agli inquirenti. Ad intervenire sul caso al programma di Rai Due è stata anche la criminologa Roberta Bruzzone: «Non credo ci siano dubbi sulla dinamica che sta emergendo. L’aspetto passionale a mio modo di vedere non è da escludere perché la modalità effettivamente mi lascia più ipotizzare quel tipo di scenario che non legato ad altre tipologie di matrici». Leggi anche l’articolo —> Omicidio di Tarquinia, fermato un uomo: movente forse sentimentale

prof ucciso Tarquinia

Seguici sul nostro canale Telegram

travaglio gruber

“Otto e mezzo”, scintille tra Gruber e Travaglio sui no vax: «Grazie per la lezione…»

antonio d'amico

Chi è Antonio D’Amico, carriera e curiosità: tutto sulla relazione con lo stilista Gianni Versace