in

Roma, incendio nell’ex fabbrica di penicillina a San Basilio: ustionato un uomo

Roma incendio Penicillina – Martedì 14 settembre 2021. È stato spento dai vigili del fuoco, dopo diverse ore di lavoro, il rogo nella ex fabbrica di penicillina di San Basilio, nella capitale. Ustionato, ma per fortuna non gravemente, un uomo nigeriano, soccorso dal 118. Secondo quanto riferisce “Adnkronos” non ci sarebbero altre persone coinvolte nell’incendio che ha divorato lo stabile, più volte occupato e sgomberato negli anni. Un rifugio di migranti e senzatetto. Non sono ancora chiare le cause che hanno determinato il rogo. Forse un fornelletto usato dai clochard.

leggi anche l’articolo —> Torre Angela, palazzina crolla dopo un’esplosione: si cercano dispersi

roma incendio

Roma, incendio nell’ex fabbrica di penicillina a San Basilio: ustionato un uomo

Un grande incendio è scoppiato nella serata di lunedì all’ex fabbrica di Penicillina sulla via Tiburtina, a San Basilio, nella periferia nord-est di Roma. Si tratta di uno stabile occupato più volte da persone senza fissa dimora. Preoccupazione nel quartiere, per le sostanze nocive, che ancora potrebbero trovarsi nella struttura non bonificata. “Come si può vedere la nuvola tossica si sta alzando. All’interno ancora ci sono fiamme. Queste sono le forze dell’ordine con i pompieri, sono intervenuti anche le squadre speciali per i fumi tossici. Speriamo che qualcuno si alzi da qualche poltrona e faccia qualcosa”. La denuncia in un video pubblicato su Facebook Michelangelo Giglio, attivista dell’Asia Usb di Roma, tra i primi a lanciare l’allarme. “Ci vivevano dei cittadini italiani e stranieri, che non avendo un tetto sulla testa e non sapendo più dove altro andare, l’hanno periodicamente rioccupata. La proprietà metta in sicurezza quel manufatto una volta per tutte. È un luogo altamente inquinante, una delle vergogne di questa città”, ha aggiunto Giglio.

roma incendio penicillina

«Occorre bonificare quello stabile dai rifiuti inquinanti e amianto»

“Le cause non sono ancora conosciute ma fin da subito esprimiamo la massima preoccupazione per i veleni che verranno sprigionati e che gli abitanti dei quartieri circostanti respireranno”, le parole su Facebook di Carlo De Felici, candidato presidente del IV municipio per Potere al popolo. “Lo avevamo denunciato solo pochi giorni fa, occorre bonificare quello stabile dai rifiuti inquinanti e dall’amianto di cui è ricoperto e occorre farlo subito, per tutelare la salute degli abitanti di Roma est”., le conclusioni De Felici. Leggi anche l’articolo —> Incidente a Variano, violento impatto tra due auto: 48enne perde la vita

roma incendio

 

federico rampini

Chi è Federico Rampini: carriera, vita privata e curiosità sul giornalista

riscatto laurea inps

Riscatto laurea a fini pensionistici, quando conviene? Ecco come calcolarlo con il simulatore INPS