in

Scuola didattica a distanza, rientro in massa di docenti da aspettative o malattie: ennesimo schiaffo ai precari

Si fa un gran parlare in questi giorni della didattica a distanza, spesso esaltandone solo i pregi, come fosse il rimedio ad ogni «male». In realtà poco si dice delle difficoltà degli studenti che fanno fatica a collegarsi; delle famiglie dei ragazzi meno abbienti a cui di fatto si sta negando il diritto allo studio; parimenti di un altro curioso fenomeno, quello del ritorno in massa di docenti da aspettative, part time o malattie. Un «rientro» figurato quest’ultimo, se vogliamo, tenendo conto delle scuole chiuse in Italia. Qualcuno, come scrive Lorena Loiacono su ‘Leggo’, ha ribattezzato prontamente tali insegnanti i «furbetti della cattedra». Difficili chiamarli in altra maniera: si tratta di docenti che riprendendo adesso il loro posto, non solo mettono mani pure allo stipendio pieno, ma mandano a casa i supplenti che li avevano sostituiti. Quegli stessi precari che dall’inizio dell’emergenza si erano dati un gran da fare per salvare l’anno scolastico, facendo funzionare un sistema, come quello della didattica a distanza, a cui, possiamo dirlo francamente, l’Italia non era affatto preparata.

leggi anche l’articolo —> Scuola didattica a distanza, a casa internet non va: 12enne piazza il banco in campagna

didattica a distanza

«I furbetti della cattedra», rientro in massa di docenti da aspettativa: beffati i precari

Ennesimo schiaffo agli eterni precari? Beh, dopo il mancato aggiornamento delle graduatorie, slittato secondo quanto riferito dal ministro dell’Istruzione Azzolina al 2021, pare di sì. Bisognerà attendere qualche settimana ancora per capire se quello del rientro in massa dei docenti da aspettative, part time e malattie sia un caso di cui discutere o un insieme di episodi isolati. Ma se è vero quello che scriveva la maestra dei gialli Agatha Christie «un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova», c’è poco da stare allegri. C’è il docente in aspettative rientrato ex abrupto ad aprile, restando a casa a centinaia di km di distanza dalla cattedra occupata; quello che lascia il part time, visto che nella propria dimora ora può gestirsi al meglio studenti, collegi e compiti in classe; infine il professore che termina la malattia prima del previsto. Come spiega chiaramente Lorena Loiacono “se un insegnante rientra dopo il 30 aprile affianca il supplente. Se lo fa ora si riprende la classe e “licenzia” il supplente stesso. Forse, almeno quest’anno, il ministero dovrebbe anticipare il più possibile la data”.

didattica a distanza

Scuola didattica a distanza: «Il Coronavirus fa emergere il meglio e il peggio delle persone»

«Purtroppo una situazione tragica come quella che stiamo vivendo fa emergere il meglio e il peggio dalle persone, anche nella scuola: la stragrande maggioranza dei docenti sta facendo il possibile ma abbiamo avuto anche segnalazioni sui rientri improvvisi da aspettativa e congedi parentali, di docenti che comunque restano fuori regione nella città di provenienza. I docenti non sono tutti uguali», queste le parole di Massimo Spinelli, presidente dell’Associazione nazionale dei presidi della Lombardia. Sulla stessa lunghezza d’onda Mario Rusconi, presidente Anp Lazio, che ha dichiarato: «Il fenomeno dei furbetti è inaccettabile in un momento in cui tutti fanno del loro meglio per mandare avanti la scuola. Serve un monitoraggio per vedere di quante persone si tratta e che stiano effettivamente insegnando».  leggi anche l’articolo —> Scuola News, Rizzoli: «Azzolina incalzata ha abbandonato incontro con le Regioni», lei si difende

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Dayane Mello Ema Kovac

Dayane Mello ed Emma Kovac Instagram, più che favolose in costume: «Quanta perfezione»

elisa isoardi instagram

Elisa Isoardi Instagram audace in bagno ‘fulmina’ il social: capelli bagnati e… «Esci dalla doccia così?»