in

Scuola, Lucia Azzolina insiste per il ritorno in classe: «Test rapidi e nuovo piano dei trasporti»

«Io credo che la scuola sia molto ben organizzata, ha regole ferree preparate durante l’estate, i giovani sono stati molto responsabili e il personale ha fatto un grandissimo lavoro. Servirà un ritorno graduale, bisogna agire con prudenza, programmando». Ospite a #Cartabianca, il programma di approfondimento di Rai Tre, condotto da Bianca Berlinguer, Lucia Azzolina ha continuato a difendere la sua presa di posizione. La ministra pensa alla riapertura degli istituti e licei dopo la seconda ondata: test rapidi nelle scuole e “rivoluzione” nei trasporti. 

leggi anche l’articolo —> Dad: gli studenti non consumeranno giga, 85 milioni per aiutare le scuole

Lucia Azzolina scuola

Scuola, Lucia Azzolina insiste per il ritorno in classe: «Test rapidi e nuovo piano dei trasporti»

Con i contagi in aumento non sono pochi gli studenti che sono tornati alle lezioni online. La ministra dell’Istruzione però è convinta che tale situazione epidemiologica, benché critica, non sia un ostacolo insormontabile: «Le scuole al momento sono aperte, ma non per tutti i gradi di istruzione. Gli studenti delle superiori vanno in piccoli gruppi, soprattutto per le attività laboratoriali. Dobbiamo agire con molta prudenza, osservare bene quello che accadrà nei prossimi giorni alla curva. Serve programmare, sarà un impegno di tutto il governo fare in modo che ci sia un pronto ritorno in classe». Per quanto riguarda il rientro in aula al termine della seconda ondata, la ministra dell’Istruzione ha detto di voler introdurre i test rapidi e di pretendere una riorganizzazione dei trasporti. «I test rapidi devono essere fatti nelle scuole perché tranquillizzano molto le famiglie, gli studenti e anche il nostro personale scolastico. Li chiediamo da tempo e so che il  commissario Arcuri ne ha comprati in gran quantità. Serve una buona organizzazione per farli anche nelle scuole. Per quanto riguarda i trasporti  siamo disponibili a scaglionare ulteriormente gli ingressi. Abbiamo chiesto un programma territorio per territorio, purché gli studenti delle secondarie di secondo grado, gradatamente, tornino a scuola», ha dichiarato Lucia Azzolina.

«Il governatore De Luca? Non mi ha mai risposto»

Infine la “bordata” al governatore della Campania Vincenzo De Luca: «Serve la massima collaborazione a tutti i livelli. Io parlo con tanti sindaci e presidenti di Regione. Con la Campania non le nascondo che ho avuto molte difficoltà: ho provato a mettermi in contatto con il Presidente De Luca ma non mi ha risposto…», ha dichiarato la ministra dell’Istruzione. Ci sarà una replica? Leggi anche l’articolo —> Concorso straordinario, docenti “carne da macello”: «Andrò con punti freschi e antidolorifici»

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Covid Italia

Covid in Italia: è scontro tra governo e regioni, il no di Speranza

Conte sotto accusa si prende tutte le colpe per il disastro in Calabria: “I ministri però sapevano”