in

Selvaggia Lucarelli deferita all’Ordine dei Giornalisti: la dura replica di lei

Selvaggia Lucarelli deferita dal consiglio dell’Ordine Lombardo dei giornalisti al consiglio di disciplina territoriale. Secondo quanto riporta “SkyTg24″, che cita l’”Agi”, alla blogger e giornalista del “Fatto Quotidiano” e di “Tpi” sarebbe stato contestato di aver reso possibile l’identificazione di suo figlio minorenne a mezzo stampa. La 45enne avrebbe violato così la Carta di Treviso. La decisione sarebbe stata presa dopo quanto accaduto domenica scorsa a Milano.

leggi anche l’articolo —> Selvaggia Lucarelli Pierluigi Diaco duro affondo: «Ha un’evidente difficoltà nella gestione della rabbia»

Lucarelli

Selvaggia Lucarelli deferita all’Ordine dei Giornalisti: la dura replica di lei

Selvaggia Lucarelli deferita dal consiglio dell’Ordine Lombardo dei giornalisti al consiglio di disciplina territoriale per aver reso possibile l’identificazione del figlio minorenne a mezzo stampa. Ricostruiamo i fatti dapprincipio. La Polizia aveva identificato il figlio 15enne della Lucarelli dopo aver contestato il leader della Lega Matteo Salvini la mattina del 5 luglio 2020. Il fatto è avvenuto all’esterno del centro commerciale Portello. Qui il segretario del Carroccio si trovava per incontrare cittadini e militanti del suo partito. «Volevo ringraziarla per il suo governo omofobo e razzista», avrebbe detto il giovane al senatore leghista, mentre questi stava facendo dei selfie con i suoi sostenitori. Due agenti in borghese hanno identificato il giovane sotto gli occhi della mamma Selvaggia e del compagno di lei. A sua volta contestazioni dei presenti hanno raggiunto la Lucarelli perché aveva chiesto a Matteo Salvini perché non indossasse la mascherina per evitare il contagio da Coronavirus. leggi anche l’articolo —> Signorini in copertina su “Chi”, Lucarelli al vetriolo: «Aspettiamo che Papa Francesco si proclami santo»

Selvaggia Lucarelli

«Geniale», il post duro su Twitter

Qualche ora fa su Twitter è arrivata la dura replica di Selvaggia Lucarelli: «Quindi: mio figlio dice la sua a Salvini, senza che nessuno sappia chi è. La polizia lo costringe a dire nome e cognome di fronte e telecamere e 100 persone. Alcun siti e la Lega pubblicano nome e video. Io solo dopo spiego cosa è successo e vengo deferita dall’odg. Geniale». leggi anche l’articolo —> Matteo Salvini contestato dal figlio di Selvaggia Lucarelli: «Ho espresso il mio parere. Mi hanno trattato da criminale!»

 

Open Innovation: sfide e vantaggi per le società del futuro

Erica Piamonte Instagram, il décolleté sbuca dal micro costume: «Vai con lo zoom!»