in

Sinisa Mihajlovic: «La malattia mi ha reso migliore. Ho avuto paura, ora mi godo ogni momento»

«Mi godo ogni momento. Prima non lo facevo, davo tutto per scontato. Conta la salute, contano gli affetti. Nient’altro. La malattia mi ha reso un uomo migliore», così Sinisa Mihajlovic in un’intervista a “Il Corriere della sera” ha parlato degli effetti della leucemia sulla sua persona. L’allenatore ha raccontato la sua dolorosa esperienza nell’autobiografia dal titolo “La partita della vita”. «Ammalarsi non è una colpa. Succede, e basta. Ti cade il mondo addosso», ha dichiarato l’ex calciatore serbo.

leggi anche l’articolo —> Ambra Angiolini racconta la battaglia contro la bulimia: “Ero incapace di chiedere aiuto”

Sinisa Mihajlovic

Sinisa Mihajlovic malattia: «Mi ha reso migliore. Ho avuto paura, ora mi godo ogni momento»

«Cerchi di reagire. Ognuno lo fa a suo modo. La verità è che non sono un eroe, e neppure Superman. Sono uno che quando parlava così, si faceva coraggio. Perché aveva paura, e piangeva, e si chiedeva perché, e implorava aiuto a Dio, come tutti. Pensavo solo a darmi forza nell’unico modo che conosco. Combatti, non mollare mai. E chi non ce la fa? Non è certo un perdente. Non è una sconfitta, è una maledetta malattia», ha sottolineato Sinisa Mihajlovic. Diciamo pure che la leucemia lo ha reso più umano anche agli occhi di chi non poteva soffrirlo: «Sono un uomo controverso e divisivo, si dice così? E ci ho messo anche io del mio. Facevo il macho, dicevo cose che potevo tenere per me. Ma se faccio una caz*ata, e ne ho fatte tante, mi prendo le mie responsabilità», ha dichiarato l’allenatore, facendo una sorta di mea culpa.

sinisa mihajlovic

«Non ci si deve vergognare della malattia. Bisogna mostrarsi per quel che si è»

Ad aprile 2019, a meno di due mesi dalla conferenza stampa in cui aveva annunciato di essere stato colpito dalla leucemia, Sinisa Mihajlovic è sceso in campo per la prima di campionato: «Rischiavo di cadere per terra davanti a tutti e un paio di volte stavo per farlo ma volevo dare un messaggio. Non ci si deve vergognare della malattia. Bisogna mostrarsi per quel che si è. Volevo dire a tutte le persone nel mio stato, ai malati che ho conosciuto in ospedale di non abbattersi, di provare a vivere una vita normale, fossero anche i nostri ultimi momenti». Poi la battuta finale: «Anche se l’affetto e gli applausi mi hanno aiutato molto, ora basta. Non vedo l’ora di tornare ad essere uno zingaro di m…», ha concluso il 51enne croato. Leggi anche l’articolo —> Sinisa Mihajlovic positivo al Coronavirus, la moglie: «Non giudicate, siamo tutti peccatori»

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Locatelli

Covid Italia, Locatelli: «Iniziale, ma chiara decelerazione della curva»

Milly Carlucci

Milly Carlucci quanto guadagna? Il cachet della conduttrice di “Ballando con le stelle”