in

Ultimi sondaggi politici: il PD torna a crescere e scavalca la Lega di Salvini

Cresce il Partito Democratico, crolla la Lega e sopravvive Fratelli d’Italia. Questo è il quadro generale presentato dagli ultimi sondaggi politici realizzati da Emg Different per la Rai. Così, il PD tallona il partito di Giorgia Meloni a meno di un punto, guadagnandosi uno dei migliori risultati da parecchi mesi a questa parte. Soffre, invece, la Lega di Matteo Salvini, probabilmente ferita in seguito alle elezioni amministrative che hanno visto letteralmente sovrastare il centrosinistra in tutte le città più importanti.

Enrico Letta

Ultimi sondaggi politici, le percentuali dei partiti

Ecco le percentuali che, secondo gli ultimi sondaggi politici, oggi i partiti raccoglierebbero se i cittadini fossero chiamati alle urne:

  • Fratelli d’Italia: 20% (-0,4%)
  • Partito Democratico: 19% (+0,4%)
  • Lega: 17,8% (-1,7%)
  • Movimento 5 Stelle: 14,9% (-1,2%)
  • Forza Italia: 7,6% (+0,6%)
  • Italia Viva: 4,1% (+0,8%)
  • Azione: 4% (+0,5%)
  • Sinistra Italiana: 2,2% (+0,2%)
  • Europa Verde: 2% (0)
  • Articolo 1: 1,9% (-0,1%)
  • Coraggio Italia: 1,6% (0)
  • +Europa: 1,5% (0)
  • Noi con l’Italia: 1,4% (+0,1%)
  • Altri partiti: 2% (+0,8%)
  • Indecisi/Non voto: 42,1%

La situazione è chiara: Fratelli d’Italia sopravvive come primo partito grazie al suo 20%, ma si sente soffiare sul collo dal Partito Democratico che tramite un +0,4% questa settimana raggiunge il 19% delle preferenze. Terzo posto, invece, per la Lega di Matteo Salvini, che non raccoglieva percentuali così basse da anni. Il Carroccio, infatti, complice una perdita dell’1,7% delle preferenze, si ferma al 17,8%. Segue il Movimento 5 Stelle, a sua volta in calo dell’1,2%, con il 14,9% delle intenzioni di voto. Subito dopo si posiziona Forza Italia di Silvio Berlusconi, unico partito della coalizione del centrodestra a segnare positivo e che grazie a un +0,6% si guadagna il 7,6% dei consensi. Sopra la soglia di sbarramento, poi, troviamo Italia Viva di Matteo Renzi con il 4,1% (+0,8%) e Azione di Carlo Calenda con il 4% (+0,2%).

Tra i partiti più piccoli, infine, si posizionano Sinistra Italia con il 2,2%, Europa Verde con il 2%, Articolo 1 con l’1,9%, Coraggio Italia con l’1,6%, +Europa con l’1,5% e Noi con l’Italia con l’1,4%. Ampia la platea degli indecisi o di coloro che preferiscono non esprimersi: 42,1%.

ARTICOLO | Salvini in guerra con la Meloni? La verità sull’audio rubato. Brunetta tombale sui sovranisti

ARTICOLO | De Luca contro i no vax: “Raddoppiamo il prezzo dei tamponi per chi non si vaccina”

draghi franceschini

Ultimi sondaggi politici, la fiducia nei leader

Gli ultimi sondaggi politici realizzati da Emg hanno domandato agli intervistati, inoltre, quanta fiducia riponessero nei leader. Anche in questo caso non ci sono dubbi: il preferito dagli italiani è e rimane il presidente del Consiglio Mario Draghi, con il 58%. Seguono poi il presidente del Veneto Luca Zaia con il 44%, Giorgia Meloni con il 43% (-2%) e il presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini con il 42%. Continua a calare, invece, l’apprezzamento nei confronti dell’ex Premier Giuseppe Conte: il leader 5S, infatti, ora raccoglie solamente il 38% delle preferenze. Ancora più giù nella classifica, poi, troviamo Silvio Berlusconi con il 32%, Enrico Letta con la stessa percentuale, Matteo Salvini con il 31%, Roberto Speranza con il 29%, Giovanni Toti con il 28%, Nicola Zingaretti con il 28%, Roberto Fico con il 27% e Carlo Calenda con il 26%. Sotto al 20%, infine, si posizionano Luigi Di Maio con il 19% e Matteo Renzi con il 14%.

meloni salvini Berlusconi incontro

Lo scenario politico

Intanto, continuano le discussioni all’interno della casa del centrodestra. Quello che emerge dalle segnalazioni e dai commenti, infatti, è che tutte e tre le forze della coalizione vogliano… Farsi le scarpe a vicenda. Sicuramente, lo scotto delle elezioni amministrative sta ancora bruciando, e tutti sembrano essere pronti a puntarsi il dito contro. L’ultimo audio rubato in casa Lega e pubblicato da Il Foglio ne sarebbe l’ennesima dimostrazione: “È ovvio che noi abbiamo un centrodestra nel governo e uno all’opposizione. Però c’è modo e modo di stare all’opposizione. Si può concordare una quota comprensibile di rottura di c… dall’opposizione, che però vada a minare il campo Pd e 5 Stelle e non sia fatta scientemente, come è accaduto negli ultimi mesi, per mettere in difficoltà la Lega e il centrodestra”.

Insomma, per quanto vogliano fingersi una famiglia felice, pare che il centrodestra stia attraversando un brutto divorzio. Vediamo se riusciranno a riconciliarsi prima delle prossime elezioni politiche. Altrimenti il destino della coalizione pare essere già scritto. >> Tutte le notizie di UrbanPost

Seguici sul nostro canale Telegram

prezzo tamponi no vax

De Luca contro i no vax: “Raddoppiamo il prezzo dei tamponi per chi non si vaccina”

burioni

Come si trasmette oggi il Covid, Burioni lancia l’allarme: «Il virus non è più quello del 2020»