in

Suicidio Teodosio Losito, la lettera d’addio ad Alberto Tarallo: «È una mia scelta e tu non hai colpe»

A più di un anno dal suicidio, la morte di Teodosio Losito è tornata agli onori della cronaca a causa delle pesanti dichiarazioni di cui si sono resi protagonisti Adua Del Vesco e Massimiliano Morra all’interno del GF Vip. Il suicidio del produttore televisivo, avvenuto l’8 gennaio 2019, è stato portato alla luce – nelle scorse settimane – come un caso di istigazione al suicidio. “È questo che non posso perdonare, – le parole di Alberto Tarallo, compagno della vittima, giungono in seguito all’accusa dei due concorrenti – il resto è folklore”, dice il produttore che da più di vent’anni condivideva la vita con Losito. “Non posso tollerarlo questo, io che non vado mai in televisione sono venuto qui per questo”: è a Non è l’Arena di Massimo Giletti che Tarallo rende pubblica la lettera d’addio di Teodosio.

Leggi anche >> “Grande Fratello Vip”, Adua Del Vesco verità choc sulla setta, D’Urso: «Tanti nomi noti coinvolti»

teodosio losito morte

Teodosio Losito morte, istigazione al suicidio l’accusa choc al GF Vip: le parole di Alberto Tarallo

“Questa è la lettera di addio di Teo. Spiega molte cose”, afferma Tarallo che non addita solo la Del Vesco e Morra. “Non sono solo loro gli ideatori di tutto questo, ma chiedo anche a quelle persone che come delle belve fiutano la pista e spingono l’acceleratore su questa cosa, parlando di sette, di messe nere: ma non si rendono conto che dietro c’è una persona che tutte le mattine deve trovare un motivo per alzarsi e che è dentro ad una sofferenza così lacerante? Non gliene frega proprio niente? Per avere un punto di share in più assassinerebbero chiunque e questo mi fa schifo, questo sistema mi fa veramente ribrezzo e anche le persone che lo operano mi fanno un po’ senso”.

teodosio losito morte

La lettera d’addio ad Alberto Tarallo

Dunque, la lettura della lettera: “Alberto, non sai quanto sono dispiaciuto per te, per questo epilogo che ti farà soffrire. Non avere rimpianti e rimorsi in futuro, questa è una mia scelta e tu non hai colpe. È un pensiero che da mesi non mi ha mai abbandonato, si è ripresentato e l’ho annullato, ma oggi sta vincendo lui. Sono io che ho rimorsi e rimpianti, ma non posso tornare indietro e non riesco ad andare avanti. È un anno che combattiamo contro i mulini a vento e mi sono spesso appoggiato alla tua forza. Io ho vissuto come se avessi avuto l’anestesia che scorreva nelle vene.

I miei errori di scelte sbagliate, quelle nei tuoi confronti, hanno creato un carico di insicurezza per come agire. Ho sbagliato soprattutto con te, i dubbi che ho potuto avere negli anni scorsi li ho cancellati proprio nel momento più difficile, complicato, e questo mi fa sentire ancora più una me**a verso di te. Mi, ci hanno preso per il c**o, hanno usato una cattiveria più estrema per farmi e farci del male e ancora non riesco a capirne il motivo. Come da prassi si è creato il vuoto intorno a me, a noi. Il carro non è più quello dei vincenti. A chi abbiamo dato tutto di noi stessi ci ha sputato in faccia e oggi giudica e siamo dei rami secchi. Che pena. Sono stanco di vivere nello squallore degli altri e sentirmi fuori luogo in imbarazzo con te o per me stesso. È una vergogna insopportabile a volte ingestibile.

I miei sensi di colpa verso di te sono così dolorosi che mi spezzano il cuore, da solo avrei sopportato meglio di più. Vedere te che amo e ora immensamente più di prima, che sei coinvolto in questo mio fallimento tuo malgrado, mi dilania la mente e il corpo. Perdonami se potrai, perché credo che dove andrò col tuo perdono potrò trovare forse un po’ di serenità. Ti amo. Teo”. >> Maria De Filippi, Ares Gate: «Setta con a capo Lucifero? Sembra ci sia sotto chissà cosa, ma…»

teodosio losito morte

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Francesca Romano

elettra lamborghini

Elettra Lamborghini, dolore per il lutto del suo cavallo: «Mi sento vuota senza di te»

Diletta Leotta

Diletta Leotta fisico da urlo, la collega che ogni uomo vorrebbe: il primo piano al lavoro