in

Terremoto in Centro Italia quattro anni dopo: oggi il premier Conte ad Amatrice

Terremoto in Centro Italia quattro anni dopo. Oggi alle 11, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Amatrice (Ri) per partecipare alla celebrazione commemorativa del quarto anniversario del sisma del Centro Italia. Lo rende noto un comunicato di palazzo Chigi. ”Il paese non c’è più”. Sono le prime ore di mercoledì 24 agosto 2016, è ancora buio e la voce del sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi è tra le prime a rimbalzare su tv e radio. Voce che ricordiamo bene noi di UrbanPost, avendola raccolta poche ore dopo il sisma “rotta” dal dolore per la perdita di vite umane, concittadini, amici. E per il proprio paese letteralmente cancellato dalla faccia della terra. (segue dopo la foto)

>> Amatrice distrutta, serve un terremoto delle coscienze

>> Ricostruzione Amatrice, Pirozzi a Mattarella: «Metta il Governo alle strette, offro supporto fisico»


Alle 3.36, un boato nel centro Italia. Terremoto di magnitudo 6.0 nella zona tra Lazio, Marche e Umbria. La terra trema per 142 interminabili secondi, devastando i paesi di Accumoli (Rieti), Amatrice (Rieti), Arquata del Tronto e la frazione di Pescara del Tronto (Ascoli Piceno). Dopo meno di un’ora, alle 4.33, un’altra scossa di magnitudo 5.3 farà tremare Norcia, la cittadina di San Benedetto. (segue dopo la foto)

Terremoto in Centro Italia quattro anni dopo Conte ad Amatrice

“Il paese non c’è più”: il ricordo di quella tragica mattina del 24 agosto 2016

In attesa dei soccorsi, le dirette televisive danno voce ai sindaci dei paesi più colpiti. ”C’è gente sotto le macerie, al momento la cosa più importante è sgomberare le strade di accesso per far arrivare i mezzi di soccorso”, è l’appello del sindaco di Amatrice. ”Vedo crolli dappertutto, siamo inermi, non abbiamo mezzi, c’è gente sotto le macerie”, dice con voce rotta il sindaco di Accumoli, Stefano Petrucci.

Dopo poche ore, le immagini dall’alto dei Vigili del Fuoco mostreranno senza scampo tutta la devastazione provocata dal sisma. Interi borghi dell’Appennino ridotti a macerie. Aggiornato di minuto in minuto, il bilancio arriverà a sfiorare i 300 morti (299), con oltre 4000 sfollati e 238 persone messe in salvo. Un ”terremoto
severo” lo definirà a caldo l’ex capo della Protezione civile Fabrizio Curcio, quando ancora non si osa fare previsioni sul numero delle vittime. Un terremoto tale da provocare, come documentato dai satelliti Cosmo-SkyMed, un abbassamento del terreno di 18 centimetri nell’area della Piana di Castelluccio di Norcia, la perla dei Monti Sibillini famosa per la spettacolare fioritura delle lenticchie. La scia sismica andrà avanti per giorni. Ma non saranno solo scosse di assestamento.

Terremoto in Centro Italia quattro anni dopo

Terremoto in centro Italia quattro anni dopo: le tragiche repliche del 26 ottobre e 30 ottobre

A ottobre la terra del centro Italia torna a tremare. Si comincia il 26 ottobre quando alle 19.10 una scossa di magnitudo 5.4 colpisce Castelsantangelo sul Nera (Macerata). Poco dopo, alle 21.18 magnitudo 5.9, tocca ad Ussita (sempre nella zona di Macerata). Fino ad arrivare al 30 ottobre quando alle 7.40 un terremoto di magnitudo 6.5 metterà in ginocchio Norcia. La scossa, la più forte registrata in Italia negli ultimi trent’anni, provocherà altri danni, altri crolli ma fortunatamente non altre vittime.

I primi funerali delle vittime marchigiane si tengono il 27 agosto nella palestra comunale di Ascoli Piceno. Davanti alle 35 bare, il vescovo Giovanni D’Ercole si chiede: ”’Che si fa ora?’. In molti me lo hanno chiesto. Questa notte ho rivolto questa domanda a Dio, gli ho presentato l’angoscia di tante persone, queste persone strappate da loro famiglie, sventrati dal terremoto . Che faranno?”. Da qui l’invito a ”non perdere il coraggio, perché solo col coraggio potremo ricostruire le nostre case e le nostre chiese. E ridare la vita alle nostre comunità”. >> Tutti gli articoli sui terremoti in Italia

Written by Andrea Monaci

49 anni, è direttore editoriale di Urbanpost.it fin dalla sua fondazione nel 2012. Ha iniziato la sua carriera nel 1996, si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto per "Il Secolo XIX", "Lavoro e Carriere", "La Voce dei Laghi", "La Cronaca di Varese".

lorella boccia instagram

Lorella Boccia Instagram grandi sorrisi e pochi centimetri, ‘risparmio’ sul tessuto: «Solo wow!»

Sabrina Salerno Instagram

Sabrina Salerno Instagram, regina dell’estate 2020: «Una bellezza senza tempo!»