in

Oliviero (pneumologo): “Non farò il vaccino anti-covid perché non fornisce immunità permanente e comporta grandissimi rischi”

Vaccino coronavirus. “Non farò il vaccino anti-covid perché non fornisce immunità permanente e comporta grandissimi rischi non essendo mai stato sperimentato”. Sono parole forti destinate ad accendere nuove discussioni sull’imminente campagna di vaccinazioni contro la SARS-Cov-2 quelle dello pneumologo e psichiatra Francesco Oliviero. “Sono contrario all’obbligo di vaccinazione di massa”, ha detto ai microfoni di Cusano Italia Tv. “Sono un free vax. Nel 2017 non c’era l’obbligo e le cose funzionavano. Bisognerebbe spiegare ai genitori che se un bambino viene vaccinato per il morbillo l’immunità non dura per sempre. Cosa che invece accadrebbe se contraesse la malattia”.

ARTICOLO | Pazienti post Covid necessitano di riabilitazione: i reparti però sono chiusi

Vaccino coronavirus: le dichiarazioni “free-max” di Oliviero fanno discutere

Oliviero ha fatto discutere in questi giorni per le sue dichiarazioni sui vaccini. Su Cusano Italia Tv ha chiarito la sua posizione. “Il discorso delle vaccinazioni pediatriche è un discorso molto complesso, bisognerebbe differenziare”, ha affermato Oliviero. “Il problema è la vaccinazione di massa che è stata resa obbligatoria. Questo tema fino al 2017 non era presente, in quanto c’era una raccomandazione alla vaccinazione. L’assenza di una legge che la rendeva obbligatoria permetteva ai genitori anche di poter scegliere. Il tema della vaccinazione di massa andrebbe affrontato a vari livelli”.

“Io sono tra coloro che sostengono la posizione free-vax”, spiego lo pneumologo. Ognuno deve essere libero di scegliere secondo scienza e coscienza. Per questo si dovrebbero fare anche delle politiche di informazione a scuola, anche per i genitori. Questo per far sì che i genitori possano scegliere ciò che è meglio per i loro figli. Non c’è un’opposizione ai vaccini da parte mia, come qualcuno vorrebbe pensare. Nel 2017 non c’era l’obbligo e le cose funzionavano. I vaccini sono riusciti a debellare malattie anche importanti nel corso della storia. Questo è indubbio e quando queste malattie venivano debellate c’era anche un miglioramento delle condizioni igienico sanitarie”.

“Questi due co-fattori – spiega Oliviero – hanno determinato l’eradicazione di malattie che nei primi anni del 900 erano endemiche. Su questi argomenti si può dire tutto e il contrario di tutto. Quello che bisognerebbe dire ai genitori è che se un bambino si vaccina per morbillo, rosolia e parotite, non avrà un’immunità permanente. Per questo c’è la necessità di fare continuamente richiami”.

“Se invece una persona fa il morbillo come l’abbiamo fatto tutti noi da bambini, gli anticorpi rimarranno in circolo per tutta la vita. Io credo che la maggior parte delle persone sia convinta che fare una vaccinazione da bambini per determinate patologie determini un’immunità per tutta la vita. Ecco che questo è importante da chiarire, altrimenti non facciamo corretta informazione”.

Francesco Oliviero sul vaccino coronavirus: “Non lo farò perché non ritengo che questo vaccino possa fornire un’immunità permanente”

Sul vaccino anti-covid Francesco Oliviero ha le idee molto chiare. “Io non farò il vaccino perché non ritengo che questo vaccino possa fornire un’immunità permanente, ci sarà bisogno di continui richiami”, ha dichiarato. “Stiamo parlando di un virus che, essendo un virus Rna, è mutageno. Ci sono grandissimi rischi perché il vaccino non è ancora stato sperimentato. Per la prima volta sarà un vaccino ad acidi nucleici, a Rna messaggero. Per la prima volta sarà l’organismo umano a produrre degli antigeni verso i quali si dovrebbero produrre anticorpi”.

“Questi vaccini sono stati creati nell’arco di pochi mesi e non sono mai stati sperimentati. Direi semplicemente di avere una posizione attendista per valutare. Considerando ad esempio che i vaccini anti-influenzali sono stati studiati per anni e anni. Se dovessi contrarre il covid-19 so che ci sono terapie che sono efficacissime. Parlo di quelle utilizzate da alcuni medici nel periodo di marzo-aprile, soprattutto nelle zone della Lombardia, del Veneto e del Piemonte. Terapie che sono state confermate, a base di azitromicina come copertura per eventuali complicanze batteriche; di enoxaparina per evitare problematiche della tromboembolia polmonare e poi di idrossiclorochina che, tra tante polemiche, si è visto che può avere un’azione molto efficace”.

Chi è Francesco Oliviero

Francesco Oliviero, 62 anni, si è laureato in Medicina e Chirurgia nel 1984 presso l’Università degli Studi di Firenze ed ha poi conseguito le specializzazioni in Psichiatria e in Pneumologia a Palermo. Dal 1977 al 2000 ha prestato servizio permanente effettivo come ufficiale medico presso il Corpo di Sanità dell’Esercito Italiano negli ospedali militari di Firenze, Caserta e Palermo.

“Dal 1989 ho cominciato il percorso della Medicina Non Convenzionale (MNC), occupandomi di Omeopatia, Omotossicologia, Agopuntura, Elettroagopuntura secondo Voll, Medicina Tradizionale Cinese, Medicina Bioenergetica, Medicina Quantistica”, spiega nella biografia pubblicata sul suo sito web.

Ha completato poi la sua formazione formazione in medicina non convenzionale, ottenendo il diploma di medico esperto in “Omeopatia, Omotossicologia e Discipline Integrate” a seguito di un corso quadriennale realizzato dall’Associazione Italiana di Omotossicologia (A.I.O.T.) e dall’Istituto Superiore di Studi Sanitari. E’ ovviamente iscritto (dal 1986) all’albo dei medici chirurghi, ordine provinciale di Palermo. >> Le notizie sulla salute

Gemma Galgani

Gemma Galgani, Giorgio Manetti punge sulla “castità interrotta”: «Visto che cadono secchi…»

Netflix papa francesco

Papa Francesco sbarca su Netflix, in arrivo una nuova docu-serie sul libro “La saggezza del tempo”