in

Covid, vaccino AstraZeneca: le rassicurazioni dopo la morte del professore di Biella

Un docente residente nella provincia di Biella è deceduto ieri, domenica 14 marzo 2021, dopo aver ricevuto la dose di vaccino Covid AstraZeneca. Per questo in via del tutto precauzionale il Piemonte ha deciso di sospendere la somministrazione di uno specifico lotto dei vaccini della stessa azienda farmaceutica in tutta la regione.

vaccino Covid AstraZeneca

La morte del Professore di Biella dopo la somministrazione del vaccino Covid AstraZeneca

La procura di Biella ha aperto un’inchiesta sulla morte del professore di musica. La moglie Simona Riussi ha raccontato la morte del marito in un’intervista a Repubblica. L’uomo era in buona salute, non aveva problemi cardiaci né di altro tipo: “Era solo affetto da microcitemia, ossia aveva i globuli rossi più piccoli della norma, e l’aveva segnalato prima dell’iniezione. Aveva poi fatto da pochi giorni il tampone molecolare ed era negativo. Insomma, stava bene”.

La donna ha spiegato che suo marito ha fatto il vaccino con lei sabato. Il giorno dopo si è alzato alle 8, è sceso dai suoi genitori che abitano al piano di sotto e ha preso il caffè con loro. “Verso le 9 è risalito perché voleva sdraiarsi un po’. Quando l’ho chiamato per chiedergli una cosa e non ha risposto mi sono preoccupata. Erano le 10:18”. La donna lo ha trovato a terra e ha tentato di rianimarlo con il massaggio cardiaco. “Nel frattempo mia figlia ha chiamato il 112. Sono arrivati subito e l’hanno portato via in ambulanza. Ancora non mi rendo conto dell’incubo che stiamo vivendo”. Inoltre Simona ha spiegato che Sandro credeva che il vaccino fosse la soluzione per liberarci dalla pandemia. “Mio marito credeva nel vaccino e bisogna continuare a crederci perché è l’unica strada che ci può liberare da questa situazione”.

ARTICOLO | Autocertificazione 2021, come compilare la nuova dichiarazione sostitutiva per gli spostamenti

ARTICOLO | Grammy Awards 2021: da Beyoncé a Billie Eilish tutti i vincitori

vaccino Covid AstraZeneca

Vaccino Covid Astrazeneca è sicuro?

Sono tante le regioni italiane e gli stati europei che stanno bloccando la distribuzione del vaccino AstraZeneca. Un nuovo caso che porta ancora una volta a sospettare dell’efficacia del vaccino è la morte di Sandro Tognatti, un professore di Biella. “Si tratta di un atto di estrema prudenza in attesa di verificare se esista un nesso di causalità tra la vaccinazione e il decesso. Ad oggi in Piemonte non era mai stata segnalata nessuna criticità particolare dopo la somministrazione dei vaccini”. Così ha spiegato l’assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Luigi Icardi.

Sia l’Ema (ovvero l’Agenzia Europea dei Medicinali) che l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) hanno dichiarato che ad oggi non esiste alcun nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e le morti. Anche il professore del San Raffaele Roberto Burioni ha rassicurato che i benefici reali del vaccino sono infinitamente superiori alle presunte reazioni avverse. Ranieri Guerra dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha spiegato che la sospensione dei lotti dimostra che la farmacovigilanza nei confronti del vaccino funziona e quindi c’è più sicurezza grazie ai controlli. “Questo fa parte di ogni campagna di vaccinazione. L’attività di monitoraggio di tutti gli effetti indesiderati dei vaccini è parte integrante della sicurezza di una campagna.>>Tutte le notizie

 

Ferdinando Guglielmotti età

Chi è Ferdinando Guglielmotti, il “Visconte” amante della vita mondana

“Letta? Il Pd è una macchina rotta a cui si continua a cambiare autista, ma non il motore”