in

Vaccini, Astrazeneca sospeso per possibili effetti collaterali: le dichiarazioni dell’Ema

In Italia come in Europa l‘utilizzo del vaccino Covid Astrazeneca è sospeso in via precauzionale. Il problema di questo vaccino sono gli effetti collaterali, per ora ipotetici. Infatti molte persone vaccinate hanno mostrato sintomi di formazione di coaguli di sangue e problemi di circolazione. In Italia, sempre in via precauzionale, anche l’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha disposto un divieto di utilizzo di un altro lotto del vaccino. Nel frattempo il premier Mario Draghi ha avuto un colloquio telefonico con la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen. Dalla conversazione è emerso che “non c’è alcuna evidenza di un nesso tra i casi di trombosi registrati in Europa e la somministrazione del vaccino Astrazeneca”. Von der Leyen ha comunicato che l’Ema ha avviato un’ulteriore verifica accelerata.

vaccino covid Astrazeneca

Vaccino Covid AstraZeneca sospeso lotti ritirati in Europa e in Italia

Danimarca, Norvegia e Islanda hanno sospeso in via precauzionale l’utilizzo del vaccino Covid AstraZeneca. Sono diversi i casi di possibili effetti collaterali segnalati in questi paesi. Anche in Italia alcune regioni hanno deciso di bloccare l’utilizzo del vaccino AstraZeneca. In Lombardia, “la direzione generale Welfare ha ritirato a scopo precauzionale il lotto di vaccini AstraZeneca ABV2856 segnalato dall’Aifa”, fa sapere in una nota la Regione. Stop anche in Toscana. “Il mio direttore del Settore Sanità mi ha detto che ha sospeso alcune dosi di quel lotto di vaccini AstraZeneca che era arrivato in Toscana, assolutamente in modo temporaneo, a scopo cautelativo”, ha dichiarato il presidente della Toscana, Eugenio Giani. E anche Veneto, Emilia Romagna, Puglia e altre regioni hanno fatto sapere di avere ricevuto un quantitativo di dosi del lotto segnalato e di avere già provveduto a bloccarne l’utilizzo.

Al momento però sembra che non ci sia alcun nesso tra la somministrazione dei vaccini e i sintomi riscontrati in alcuni soggetti. Anche l’Ema (Agenzia europea per i medicinali) ha rassicurato che il vaccino non è pericoloso. Per l’Ema infatti si può continuare a utilizzare il vaccino AstraZeneca perché “i benefici continuano a superare i suoi rischi”. Quindi “il vaccino può continuare a essere somministrato, mentre sono in corso le indagini sui casi” in questione. E ha spiegato anche che “il numero di eventi tromboembolici nelle persone vaccinate non è superiore al numero osservato nella popolazione generale”. L’Ema ha assicurato infine che procederà con un’indagine più dettagliata per garantire la sicurezza del farmaco.

ARTICOLO | 100 anni fa nasceva Gianni Agnelli: l’omaggio della Rai all’Avvocato [programmazione]

ARTICOLO | Scontro tra giornaliste sul tema vaccino, Selvaggia Lucarelli: “Sopravvalutata”, Fronte: “Scenda dal trono”

vaccino covid efficacia

Vaccino Covid AstraZeneca il caso del colonnello Maniscalco

“E’ partito tutto dalla procura di Siracusa, che avendo aperto un fascicolo sulla morte del sottufficiale della Marina militare e delegato i Nas di Catania di avviare le indagini, è come se avesse lanciato l’allarme ed è partita l’operazione del sequestro dei vaccini su tutto il territorio nazionale” dice all‘Adnkronos il Tenente Colonnello Vincenzo Maresca, comandante del Gruppo Tutela Salute Napoli.

Giuseppe Maniscalco di 54 anni ha ricevuto il vaccino prima di morire. Tuttavia l’autopsia ha rivelato che non c’è nessuna prova che colleghi la morte del militare con il vaccino. La Procura aveva aperto nei giorni scorsi un’inchiesta sulla morte del militare dopo la denuncia dei familiari. Il vice comandante della sezione di Polizia giudiziaria presso la Procura di Trapani aveva avuto un malore dopo la somministrazione del vaccino ed era morto. Ma l’Asp di Trapani sta verificando ugualmente se la dose del vaccino utilizzato sia dello stesso lotto sequestrato oggi.>>Tutte le notizie

 

Brescia variante inglese

Brescia, variante inglese colpisce i giovani: tanti 40enni intubati, cala l’età media in Terapia intensiva

Roberto Speranza curriculum

Speranza e quel “dettaglio” nel curriculum che infastidisce “Libero”: «Ecco il modello Italia…»