in

Vaccino Covid, Burioni: «Ritardo nella consegna significa morti», l’affondo ad Arcuri

Vaccino Covid Burioni – 1 febbraio 2021. «Un ritardo nella consegna di vaccini significa morti». Sono queste le parole del professor Roberto Burioni durante la trasmissione Che tempo che fa. L’esperto ha detto la sua dopo l’intervista di Fabio Fazio al commissario straordinario per l’emergenza sanitaria Domenico Arcuri. «Mi ha colpito l’utilizzo di un avverbio, che dobbiamo accettare ‘serenamente’ che ci siano meno vaccini. Posso accettare serenamente la foratura di una gomma, ma se vado da un paziente in ospedale e gli dico che non ho gli antibiotici per curarlo, lui non lo accetta serenamente», ha sottolineato il virologo.

leggi anche l’articolo —> Vaccino Covid over 80, parte il Lazio: come prenotarsi, il calendario delle regioni 

vaccino covid burioni

Vaccino Covid Burioni: «Ritardo nella consegna significa morti», l’affondo ad Arcuri

«Bisogna dire le cose come stanno e chiamare le cose con il loro nome: un ritardo nella consegna di vaccini significa morti. Capisco ci siano difficoltà, ma quando a Kennedy dissero che ci voleva tempo per andare sulla Luna, lui disse ‘allora cominciamo subito’. Noi non possiamo non andare sulla Luna, i vaccini sono indispensabili. Io sono a favore del giusto profitto, chi ha lavorato e rischiato deve avere un compenso, ma questo non può venire prima della vita umana. Siamo riusciti a fare qualcosa di incredibile e non riusciamo a produrla?», ha tuonato Burioni.

vaccino covid burioni

Il commissario Arcuri: «L’Italia è stato il Paese che si era comportato meglio in Europa»

Da Fabio Fazio il commissario Arcuri, infatti, ha spiegato come è cambiato il piano vaccinale dopo i vari ritardi e tagli delle dosi anti Covid: «Abbiamo iniziato con uno schema che prevedeva l’arrivo nel primo trimestre di 28,3 milioni di vaccini. Stiamo lavorando con uno schema che prevede nel primo trimestre l’arrivo di 11,2 milioni di vaccini, oltre il 60% in meno». A proposito dei tagli di Pfizer, Arcuri ha detto: «L’Italia è stato il Paese che si era comportato meglio in Europa, era il Paese che aveva fatto più vaccini. In media ne faceva 80mila. Dopo l’annuncio se ne sono fatti 34mila in media, anche perché le Regioni hanno iniziato a conservarsi la seconda dose». Quanto al «vaccino di AstraZeneca, che dobbiamo somministrare alle persone fino a 55 anni, è una opportunità importante per ridurre la moltiplicazione contagi». Leggi anche l’articolo —> Covid, il bollettino di oggi: 11.252 nuovi casi e 237 morti, stabili le intensive

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Salvini

Salvini: «Spero che gli Italiani a Pasqua possano scegliersi il governo»

Alda D’Eusanio squalifica

Caos al GF Vip, concorrente fuori controllo con gli autori: «Vedi d’annà a…», squalifica immediata