in

In arrivo il vaccino Johnson&Johnson: tutte le caratteristiche del farmaco

Dal mese di marzo sarà disponibile in Europa un nuovo vaccino Covid: il Johnson & Johnson. Nei giorni scorsi il vaccino ha avuto l’approvazione della Food and Drug Administration, negli Stati Uniti. Vediamo quali sono le caratteristiche di questo farmaco.

Vaccino AstraZeneca over 65 approvato

Vaccino Covid Johnson & Johnson caratteristiche

Questo è il terzo dei vaccini prodotti negli Stati Uniti. Attualmente sono disponibili e approvati dall’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, i sieri prodotti da Oxford-Astrazeneca, Pfizer-Biontech, Moderna. Le forniture iniziali ad oggi del Johnson & Johnson sono limitate a sole 4 milioni di dosi. Tuttavia l’azienda, come si legge in una recente nota, stima “di consegnare oltre 20 milioni di dosi negli Stati Uniti entro marzo e 100 milioni di vaccini monodose la prima metà del 2021”.

La più grande novità che apporta questo vaccino è che è necessaria una sola dose. È l’unico vaccino in commercio a dose singola ad aver concluso la fase 3 di sperimentazione, la conclusiva. Il farmaco utilizza un adenovirus del raffreddore. Questi virus viene ingegnerizzato in modo da essere reso inattivo e incapace di infettare. Al suo interno viene inserita un’informazione genetica, quella della proteina Spike di cui il Sars-CoV-2 si serve per penetrare nella cellula umana. Una volta inoculato, le cellule leggono questa informazione e stimolano la produzione di anticorpi specifici in grado di rispondere al coronavirus. Sul sito del Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie degli Stati Uniti è disponibile una scheda tecnica completa del vaccino Janssen Johnson & Johnson.

ARTICOLO | “Striscia la notizia”, Caterina Balivo e il video Rai da censura: azzardo del cameraman

ARTICOLO | Elettra Lamborghini, ‘sfuma’ la prima puntata dell’Isola dei Famosi: motivi e possibile sostituto

vaccino covid toscana

Vaccino Covid Johnson & Johnson quanto è efficace?

La protezione che offre il vaccini Johnson& Johnson è garantita. Loredana Bergamini, direttore medico di Janssen Italia, la divisione farmaceutica di Johnson&Johnson, ne ha confermato l’efficacia. Infatti ha dichiarato che il preparato previene nell’85% dei casi le forme più temibili del Covid che richiedono ricovero in ospedale e nel 100% dei casi evita la morte. Inoltre il vaccino è più semplice da conservare, rispetto ad alcuni suoi competitor. Il farmaco rimane stabile per due anni circa se conservato a -20 gradi e per un massimo di 3 mesi a temperature da frigorifero, tra i 2 e gli 8 gradi.

Loredana ha inoltre spiegato i risultati dello studio del vaccino. “Nel nostro studio sperimentale abbiamo fatto test su 45 mila persone di tutte le età, a partire dai 18 anni ed oltre i 60. Il 41% dei volontari arruolati avevano una o più patologie croniche: obesità, ipertensione, diabete, malattie cardiovascolari severe. Tutti hanno risposto bene. Sta per partire uno studio su under 18 e bambini. Il vaccino è stato testato in Sud Africa e Brasile dove le varianti già circolavano ed ha funzionato”. Anche riguardo agli effetti collaterali, il vaccino non presenta criticità. Infatti gli effetti sono stati lievi e moderati, comuni ad altri vaccini, come dolore sul sito della puntura, mal di testa, nausea e dolori muscolari, e affaticamento e sono durati in media 1-2 giorni.>>Tutte le notizie

Sergio Albelli età

Chi è Sergio Albelli, dal teatro al grande schermo: esordi e carriera dell’attore toscano

vaccino AstraZeneca

AstraZeneca, effetti collaterali e Tachipirina prima del vaccino: facciamo chiarezza