in

Vaccino Pfizer, Ceo BionNTech: «Da soli non riusciamo a coprire il fabbisogno»

Primo preparato ad essere autorizzato contro il Covid in Europa, il vaccino Pfizer BioNTech non è però sufficiente a soddisfare la domanda dell’Unione Europea. La procedura di approvazione degli altri farmaci è stata troppo lenta e si rischia oggi la mancanza di copertura. Se non saranno autorizzati altri vaccini, l’azienda tedesca non sarà in grado – da sola – di far fronte al fabbisogno europeo. È quanto spiegato dal Ceo di BioNTech Ugur Sahin al settimanale tedesco Spiegel.

Leggi anche >> Covid, il bollettino di oggi: 22.211 nuovi casi e 462 morti

Vaccino Pfizer BionNTech

Vaccino Pfizer BioNTech, insufficiente a coprire fabbisogno: situazione non buona

“Al momento – afferma Sahin in merito al preparato Pfizer BioNTechla situazione non sembra buona, si sta verificando una scarsità perché mancano altri vaccini approvati e dobbiamo colmare il vuoto con il nostro vaccino”. I ritardi nelle consegne in Germania hanno provocato – pochi giorni dopo il lancio della campagna di vaccinazione – persino la chiusura temporanea dei centri in alcune regioni. Il ministro della Salute tedesco Jens Spahn ha esortato l’Agenzia europea per i medicinali ad approvare rapidamente anche il vaccino sviluppato dall’Università di Oxford e da AstraZeneca (già autorizzato da Gran Bretagna); mentre un terzo vaccino, quello di Moderna, dovrebbe essere approvato dall’Ema il 6 gennaio.

Alla base dell’insufficienza ci sarebbe in parte l’ordine relativamente basso dell’Unione Europea: 300 milioni le dosi richieste, nella convinzione che ci sarebbero stati “diversi fornitori” tra i quali scegliere. “Un simile approccio ha senso, – ha spiegato Ozlem Tureci, co-fondatrice della BioNTech con il marito Sahin – ma a un certo punto è diventato chiaro che molti non sarebbero stati in grado di fornirli velocemente”. Da qui la corsa di BioNTech alla produzione di dosi che sta mettendo a dura prova l’azienda tedesca. Velocizzati i piani per realizzare un nuovo sito produttivo a Marburgo, – stando alle parole di Sahin – dovrebbe entrare in funzione a febbraio, “molto prima del previsto” e dovrebbe aiutare a fornire 250 milioni di dosi aggiuntive nella prima metà del 2021.

Vaccino Pfizer BionNTech

Accordi con altre case farmaceutiche e negoziati in corso

Sono stati raggiunti, inoltre, accordi con cinque case farmaceutiche in Europa per aumentare la produzione e – ha aggiunto Tureci – sono in corso negoziati con altre aziende specializzate. “Per la fine di gennaio – ha assicurato il Ceo di BioNTechdovremmo avere chiarezza su cosa e quanto in più possiamo produrre”. >> Vaccino Covid cos’è, le risposte dell’Iss contro le fake news: il documento ufficiale dell’Aifa

Vaccino Pfizer BionNTech

Morte Annamaria Sorrentino, qualcuno la spiava sui social? La famiglia chiede di analizzare i cellulari

Riapertura scuole

Riapertura scuole, Giannelli (ANP): «L’organizzazione della vita degli studenti sarà sconvolta»