in

Woody Allen: «Insensato credere che avessi potuto abusare di mia figlia di 7 anni»

«Le persone non vedranno mai la ragione. Quando macchiano il tuo nome, non importa se sei innocente o colpevole». Woody Allen, intervistato da El Pais, torna a parlare della ben nota vicenda delle accuse di molestie sessuali nei suoi confronti. Dopo anni il regista rompe il silenzio e lo fa attraverso il suo libro ‘A proposito di niente’, un’autobiografia ricca di incontri, aneddoti e retroscena, in cui non manca quella parte della vita del regista segnata dalle accuse di abusi sessuali nei confronti dei figli. Ma non si tratta di una difesa: Woody Allen ci tiene a precisarlo.

leggi anche l’articolo —> Diane Keaton malattia: «Per anni ne ho sofferto. È stato terribile…»

Woody Allen

Woody Allen: «Insensato credere che avessi potuto abusare di mia figlia di 7 anni»

«Voglio chiarire che non ho la sensazione di essermi difeso. Non avevo bisogno di alcuna difesa. Ho scritto la storia in modo obiettivo. Ho usato citazioni di altre persone: investigatori, medici, giudici, testimoni. Non ho mai incluso me stesso. Poiché sentivo di non aver bisogno di una difesa, ho voluto scrivere la storia in modo obiettivo e lasciare che il lettore arrivasse alle sue conclusioni. Non volevo entrare nel ‘lui ha detto, lei ha detto’. Questa non è la mia versione, ma la versione dell’investigatore, dello psichiatra e della governante. Vorrei non aver occupato tutto quello spazio (nel libro, ndr), ma per raccontare tutta la mia storia ho dovuto includere anche questa parte. Essendo innocente, non mi sentivo in dovere di dare una spiegazione a nessuno. Forse il mio silenzio ha fatto sì che la gente dubitasse», ha dichiarato Woody Allen.

Woody Allen

«Ma quando sei innocente, non ti importa. Non volevo perdere tempo a pensarci»

«Ma quando sei innocente, non ti importa. Non volevo perdere tempo a pensarci. Non sentivo di dover dare una spiegazione a nessuno. Dall’inchiesta è emerso che non avevo fatto nulla, quindi mi sono concentrato sul mio lavoro e sulla mia famiglia. Ho pensato che fosse una perdita di tempo rilasciare interviste televisive o scrivere articoli. Ma, forse il mio silenzio ha fatto dubitare le persone che si sono chieste ‘Perché è così silenzioso?’», ha ribadito l’attore e regista hollywoodiano. Con l’esplosione del movimento MeToo è arrivata la nuova accusa della figlia Dylan. Ma l’84enne non ne ha fatto un dramma: «Quando è successo tutto ciò, ho continuato a lavorare. La vicenda era su tutti i giornali, ma gli altri erano più interessati a me di quanto non lo fossi io. Era insensato che qualcuno potesse credere che io avevo fatto una cosa del genere a mia figlia di 7 anni, insensato credere che io avessi potuto abusare di lei in qualsiasi forma. L’idea era così assurda che non ne ho parlato mai. (…) Era solo una questione di tabloid, che fondamentalmente vivono di questo!».

Woody Allen

Woody Allen: «È vero che alcuni attori mi hanno detto che non volevano lavorare con me, ma…»

In verità la questione delle molestie ha ‘sporcato’ il mondo dorato di Woody Allen. Come riporta l’Adnkronos “Amazon ha sospeso il suo accordo di produzione e distribuzione, il gruppo Hachette ha rifiutato di pubblicare il suo libro, le università hanno smesso di studiare i suoi film e molti attori non vogliono più lavorare con lui”. Risvolti che non hanno destato preoccupazione nel regista, che anzi è riuscito addirittura a prenderne del buono. «Nella pratica tutto questo non ha avuto alcun effetto. L’editore ha respinto il libro, ma 15 minuti dopo ce ne era un altro disposto a pubblicarlo. Amazon mi ha voltato le spalle, ma ho potuto girare un altro film poco dopo. Tutto questo non mi ha impedito di continuare a lavorare né ha fatto sì che la gente smettesse di guardare i miei film. È vero che alcuni attori mi hanno detto che non volevano lavorare con me nel film che ho girato a San Sebastián, ‘Rifkin’s Festival’ (che uscirà in autunno). Ma non è successo niente: ne ho trovati altri», ha concluso Woody Allen, vincitore di quattro premi Oscar. L’attore e regista nel 1995 ha ricevuto anche il Leone d’oro alla carriera alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. leggi anche l’articolo —> Cate Blanchett, incidente con la motosega: «Una ferita alla testa, ora sto bene»

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

enrico nigiotti indagato

Enrico Nigiotti indagato per frode assicurativa, la difesa del cantante: «Io ho rischiato la vita»

belen rodriguez stefano de martino

Belen Rodriguez, Stefano De Martino la dimentica e conquista un’altra showgirl