in

Denise Pipitone avvistata in hotel, ma è falsa testimonianza: indagata coppia di turisti romani

Denise Pipitone news a Quarto Grado: spuntano i nomi di altre due persone nel registro degli indagati. Si tratterebbe di una coppia romana che aveva soggiornato in Sicilia nell’agosto 2004, quando la bimba fu rapita.

denise-pipitone-in-hotel-anna-corona-falsa-testimonianza-indagati-turisti

Secondo quanto trapelato ieri sera venerdì 2 luglio 2021, la turista romana ha raccontato di aver visto il 1° settembre 2004 la piccola Denise. Nello specifico, all’interno dell’hotel Ruggero II dove all’epoca lavorava Anna Corona, una signora con fare sospetto in compagnia di una bambina di cui la testimone dice di ricordare in maniera nitida lo sguardo. Dopo i dovuti accertamenti degli inquirenti, tuttavia, sarebbe emersa la infondatezza di siffatta dichiarazione. Parole non veritiere in quanto dalle indagini emergerebbe che la coppia quel giorno non si trovava a Mazara del Vallo né in Sicilia, ma a Roma.

TUTTO SUL CASO DENISE PIPITONE: CLICCA QUI PER LEGGERE GLI APPROFONDIMENTI DI URBANPOST

Falsa testimonianza: indagata coppia romana che disse di aver visto Denise in hotel a Mazara

Intervistato dalla inviata del programma di Retequattro, l’avvocato della coppia, Stefano Pellegrino, ha confermato di essere il medesimo avvocato della dottoressa Maria Angioni. Quest’ultima a sua volta indagata per falsa testimonianza. Il legale ha precisato, sulla coppia romana sua assistita: «La moglie in pratica aveva realizzato un ricordo assolutamente non corretto. Aveva visto una signora ma ovviamente non si sa in quale in quale albergo, hanno riscontrato e verificato che in effetti la signora non si trovava quel giorno a Mazara del Vallo e neanche in Sicilia. Queste sono state le parole della mia assistita: ‘C’è stato questo martellamento mediatico e quindi mi sono lasciata suggestionare’ …». (Continua a leggere dopo la foto)

Secondo quanto ricostruito dalla procura di Marsala che ha riaperto le indagini sul caso Denise Pipitone, i coniugi romani avevano soggiornato in Sicilia ad agosto 2004. Qualche giorno fa si sarebbero presentati in procura per riferire di aver visto Denise nell’hotel in cui lavorava la Corona. Non in un giorno qualunque ma proprio il 1° settembre 2004, quando fu rapita. Una notizia clamorosa che avrebbe potuto portare alla tanto attesa svolta nell’inchiesta, rivelatasi poi un bluff.

ARTICOLO: Perché Denise (figlia di Piero Pulizzi) porta il cognome ‘Pipitone’: Piera Maggio fa chiarezza e chiede rispetto

Denise Pipitone nuova inchiesta, salgono a cinque gli indagati

L’avvocato Pellegrino incalzato dall’inviata di Quarto Grado circa la sua assistita, ex pm Angioni, ha escluso vi sia un legame tra lei e i coniugi romani. «No, assolutamente. Non c’è nessun rapporto di conoscenza né tantomeno un rapporto amicale solamente una conoscenza mediatica. Hanno seguito le trasmissioni e quindi magari si sono lasciati suggestionare». Si tratterebbe, ancora una volta, solo di suggestioni. I coniugi romani hanno ritrattato completamente la prima versione ma restano indagati per false testimonianze al pubblico ministero. Così come la ex pm del caso Denise, Maria Angioni (vedi qui i dettagli).

Oltre alla Angioni e la coppia romana di cui sopra, anche Anna Corona e Giuseppe Della Chiave sarebbero stati iscritti nel registro degli indagati relativamente al nuovo fascicolo di inchiesta aperto sul giallo di Mazara. Indiscrezioni giornalistiche che la procura di Marsala non ha però confermato.

paolo beldì

Da “Quelli che il calcio” a “Sanremo”, tutti i successi firmati da Paolo Beldì, scomparso a 66 anni

Covid oggi 932 casi e 22 decessi, ancora in calo i ricoverati in terapia intensiva (204)