in

Sanremo 2021, Francesco Renga ci riprova: testo e significato di “Quando trovo te”

Grande ritorno al “Festival di Sanremo” per Francesco Renga, il cantante che ha trionfato all’Ariston nel 2005 con il brano struggente “Angelo”. L’artista, nato a Udine il 12 giugno del 1968, ci riprova. Dopo l’esordio da frontman della band rock Timoria, la carriera da solista. Tanti gli album all’attivo: da “Francesco Renga” (2000) a “Tracce” (2002), da “Camere con vista” (2004) a “Ferro e cartone” (2007). Fino ai più recenti “Scriverò il tuo nome” del 2016 e “L’altra metà” del 2019. Su “Spotify” il suo cavallo di battaglia è “Il mio giorno più bello nel mondo”.

leggi anche l’articolo —> A Sanremo “vince chi sopravvive”: Annalisa racconta il suo quinto Festival

Francesco Renga

Sanremo 2021, Francesco Renga ci riprova: testo e significato di “Quando trovo te”

Ha partecipato ben otto volte al Festival di Sanremo. Dopo l’assenza nel 2020 Francesco Renga si presenta con il brano “Quando trovo te”. A proposito del suo pezzo l’artista ha detto «È una canzone che racconta di come le piccole cose della normalità quotidiana, anche quelle che ci sembra di dimenticare nei momenti di disperazione, possono venirci a salvare la vita. Per me è un punto d’arrivo, un mix di quello che sono stato, di quello che sono adesso, di quello che è stato il mio percorso stilistico, autorale e vocale». Autori della canzone: Francesco Renga, Roberto Casalino, Dario Faini. “Il Giorno” riporta le valutazioni della stampa: QN: 7+ / Corriere della Sera: 5 / Repubblica: 5 / La Stampa: 6 / Il Messaggero: 5.

ARTICOLO | Amadeus, malattia: «A 7 anni ho lottato tra la vita e la morte»

ARTCOLO | Ibrahimovic al Festival di Sanremo, Amadeus: «Vi svelo il vero motivo»

Francesco Renga

Testo di Quando trovo te – Renga

Guarda un po’ la mia città è insonne
E ha smesso di sognare
Come mai nessuno ora lo ammette
Gente che taglia le ombre
Mentre il traffico ancora riempie
Spazi immensi di solitudine
Questa volta ho come l’impressione
Che la speranza abbia cambiato umore.
E la mia testa non ne vuole più sapere
Di stare ferma e io continuo ancora a camminare
Si bagnano anche gli occhi, forse piove
E lo sguardo che segue il tragitto di un cane
E va a finire che
Come sempre mi dimentico
Dimentico di te
Sempre mi dimentico
Ma poi io ti ritrovo
Sempre se mi guardo
E intorno non c’è niente
Sei lo stupore atteso, un desiderio
La verità in un mondo immaginario
Sempre sempre
Si confondono perfettamente
Le mie gioie
Inevitabilmente
Sempre sempre
Le ritrovo tutte quante sempre
Solo quando trovo te.
Questa città confonde
Di luci sempre accese
Dicono che tornerà sereno a fine mese
Io sempre fuori stagione
E la tua testa non ne vuole più sapere
Di stare ferma e quel silenzio dentro fa rumore
All’improvviso torno a respirare
Una stanza, due sedie, la cena, un film
Qual è il finale?
Come sempre mi dimentico
Dimentico di te
Sempre mi dimentico
Ma poi io ti ritrovo
Sempre se mi guardo
E intorno non c’è niente
Sei lo stupore atteso, un desiderio
Tra mille note in volo un suono nuovo
Sempre sempre
Si confondono perfettamente
Le mie gioie
Inevitabilmente
Sempre sempre
Le ritrovo tutte quante sempre
Solo quando trovo te.
Tu che dormi sul divano
Quando resta sulle mani
Il tuo profumo
Le tue cose fuori posto
Quelle scarpe sulle scale
Mi portano da te
Come sempre mi dimentico
Dimentico di te
Sempre mi dimentico
Ma poi io ti ritrovo
Sempre se mi guardo
E intorno non c’è niente
Sei lo stupore atteso, un desiderio
La meraviglia di ogni giorno nuovo
Sempre sempre
Si confondono perfettamente
Le mie gioie
Inevitabilmente
Sempre sempre
Le ritrovo tutte quante sempre
Solo quando trovo te.
Solo quando trovo
Trovo te.

LEGGI ANCHE L’ARTICOLO —-> Sanremo 2021 cantanti, date e ospiti: le ultime “rivelazioni” di Amadeus

 

Giorgia Meloni governo draghi

Giorgia Meloni si scaglia contro il governo Draghi: “Scavalca il Parlamento”

Luca Attanasio, la strada su cui viaggiava non era sicura: le dichiarazioni dell’Onu