in

Gianluca Vialli, passeggiata al santuario della Beata Vergine della Speranza: «È il tempo della gratitudine»

Il capo delegazione della Nazionale Italiana, Gianluca Vialli, dopo aver portato a casa la vittoria dell’Euro2020, si sta finalmente godendo le sue vacanze estive con delle gite fuoriporta. L’ex calciatore ha pensato bene di condividere la sua passeggiata nel verde alla ricerca dell’arte con i suoi numerosi followers (oltre 308mila). Poche ore fa su Instagram Gianluca Vialli ha pubblicato un suo selfie davanti ad una chiesa che gli ricorda i luoghi della sua infanzia. Il post non è passato inosservato ai fan, i quali, come sempre, hanno fatto sentire il loro affetto all’ex attaccante.

Gianluca Vialli Instagram, passeggiata al santuario della Beata Vergine della Speranza

Gianluca Vialli, capo delegazione della Nazionale Azzurra, domenica 18 Luglio 2021 è stato al Santuario della Beata Vergine della Speranza di Grumello Cremonese, una chiesetta settecentesca in mezzo ai campi, a un passo dalla casa in cui l’ex attaccante è cresciuto. Davanti a tanta bellezza, l’ex calciatore ha pensato bene di scattarsi un selfie e di postarlo sul suo profilo Instagram (vai al post). Vialli, poi, ha descritto il tutto con una frase molto semplice: «È il tempo della gratitudine…It’s time to be grateful». Dopo la splendida vittoria della Nazionale e dopo aver vinto la sua battaglia personale contro la malattia, Vialli ha deciso di prendersi un momento per le sue preghiere. Tantissimi i messaggi di affetto da parte dei tifosi sotto il post: «Sei un grande ti auguro il meglio in tutto», «La mascotte di questa nazionale e di questa nazione» e ancora: «I grandi campioni sono sempre uomini di spessore…appartieni a questa categoria». 

ARTICOLO | Gianluca Vialli, l’emozionante discorso alla Nazionale prima della finale di Euro2020 commuove l’Italia

ARTICOLO | Italia campione: l’abbraccio tra Vialli e Mancini è l’emblema della vittoria

Chi è l’ex calciatore?

Gianluca Vialli è nato a Cremona il 9 luglio 1964 ed è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante, capo delegazione della Nazionale italiana. Tra i migliori centravanti degli anni 1980 e 1990, rientra nella ristretta cerchia dei calciatori che hanno vinto tutte e tre le principali competizioni UEFA per club. Vincitore di numerosi trofei in campo nazionale e internazionale, è stato capocannoniere dell’Europeo Under-21 1986, della Coppa Italia 1988-1989, della Coppa delle Coppe 1989-1990 e della Serie A 1990-1991.  Tra il 1985 e il 1992 ha totalizzato 59 presenze e 16 reti nella nazionale italiana, prendendo parte a due Mondiali (Messico 1986 e Italia 1990) e un Europeo (Germania Ovest 1988); al suo attivo anche 21 gare e 11 gol con l’Under-21, con cui ha disputato due Europei di categoria (1984 e 1986). Più volte candidato al Pallone d’oro, si è classificato 7º nelle edizioni 1988 e 1991. Nel 2015 è stato inserito nella Hall of Fame del calcio italiano. >> Altri Gossip

Condanna a Ciontoli, la Corte di Cassazione: “Agì con pervicacia e spietatezza”

Covid in Italia: 2mila nuovi casi su soli 89mila tamponi, tornano a crescere le terapie intensive