in

In cosa è laureato Giorgio Chiellini? Difensore azzurro da 110 e lode

Giorgio Chiellini laurea in che cosa? Per tanti è lui l’eroe di Londra, il capitano della nostra Nazionale. Tenace, coraggioso, un trascinatore assieme a Bonucci e al giovane Donnarumma. Ma anche profondamente sensibile, “un gigante buono”, come ha scritto qualche giornalista. Il difensore dell’Italia durante la cerimonia del Quirinale alla presenza del capo dello stato Sergio Mattarella, ha ricordato l’amico Astori: “Davide è sempre presente nei nostri cuori”. Amatissimo dai tifosi il calciatore della Juve rappresenta anche l’esempio di come studio e sport possano andare a braccetto. Ma in che è laureato Chiellini? Ripercorriamo la sua carriera accademica.

leggi anche l’articolo —> Azzurri perché si chiamano così? In uso da prima del tricolore

chiellini laurea

Giorgio Chiellini laurea in che cosa? Ha studiato per il futuro

Giorgio Chiellini si è laureato campione d’Europa nel 2021. Questo lo sappiamo: nella sua carriera ha vinto ben nove campionati consecutivi di Serie A con la Juventus (dal 2011-12 al 2019-20), club con cui ha conquistato anche cinque Coppe Italia (quattro consecutive dal 2014-15 al 2017-18 e ancora nel 2020-21), cinque Supercoppe di Lega (2012, 2013, 2015, 2018 e 2020) e un campionato di Serie B (2006-07). In precedenza il 37enne si è aggiudicato un campionato di serie C1 con il Livorno, squadra in cui è cresciuto. Chiellini però ha un merito tutto particolare: è oggi tra i pochi calciatori di successo ad essere stato capace di conciliare la carriera sportiva con un proficuo percorso di studi. Difatti il difensore si è dapprima diplomato presso il liceo scientifico “Federigo Enriques” di Livorno, con il voto di 92/100, poi nel 2010 si è laureato in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Torino, con una votazione finale di 109/110. Nel 2017 è arrivata la seconda laurea, quella magistrale, sempre presso lo stesso ateneo, in Business administration, ottenendo stavolta una votazione di 110/110 con lode. 

Giorgio chiellini laurea

«Mia mamma mi ha sempre risposto: ‘Nessun problema, se non vai a scuola non vai neanche a calcio’»

Chiellini rappresenta il modello di calciatore-studente. Tempo fa l’azzurro ha raccontato la sua esperienza in un’intervista rilasciata a FIFPro: «Ricordo che quando ero piccolo, parlo della scuola elementare, capitava qualche volta che fingevo di non stare bene per non andare a scuola. Mia mamma mi ha sempre risposto: ‘Nessun problema, se non vai a scuola non vai neanche a calcio’. Ma alla fine stavo sempre bene, mi alzavo e andavo a scuola. Innanzitutto per me è un hobby, è un piacere: non mi pesava, mi teneva allenata la mente facendo altro. Quando poi mi sentivo stanco mi fermavo. Ma è una cosa che mi ha aiutato su tutto, anche nel calcio se non sei attivo mentalmente e lucido non arrivi a certi livelli. Lo studio mi ha aiutato nella vita e anche nello sport», ha raccontato il difensore della Juve. Lo stesso atleta ha poi confessato: «Quando è nata mia figlia, ho studiato solo in ritiro, in viaggio e la sera prima delle partite. Ora è molto più semplice, ci sono corsi per studenti-lavoratori. Le università mettono delle lezioni telematiche online proprio per gli sportivi, l’Università di Torino mi ha permesso di completare i miei studi con la possibilità di corsi anche fuori orario in modo da avere tempo e modo di arrivare alla fine». Leggi anche l’articolo —> Italia-Spagna, perché Chiellini ha dato del “bugiardo” a Jordi Alba prima dei rigori

Giorgio chiellini laurea

Cosa spinge un giocatore a studiare? Chiellini parla della sua laurea: «Quando hai 25 anni ti senti invincibile»

Ma cosa spinge un giocatore a laurearsi? «Non ho mai saltato un allenamento per andare a lezione, ma le nostre giornate sono lunghe, non lavoriamo 24 ore. Quindi se uno vuole può tranquillamente dedicarsi a un’altra attività senza togliere neanche un minuto alla nostra professione e passione. Bisogna cercare d’incrementare le persone che studiano e arrivano alla laurea, perché la vita è lunga e sarà bellissima quando si finisce di giocare a calcio ma bisogna coltivarla prima, altrimenti si arriva a 35 anni non sapendo quel che si vuole fare», aveva spiegato Chiellini. E ancora: «Quando hai 25 anni ti sembra di essere indistruttibile e invincibile, ma in realtà devi già pensare al futuro perché poi la carriera finisce e c’è una vita davanti dove giocare a calcio non ti basta per vivere». Leggi anche l’articolo —> Chi è Giorgio Chiellini, vita privata e carriera: tutto sul difensore bianconero

 

Federico Bernardeschi e Veronica Ciardi

Federico Bernardeschi e Veronica Ciardi nozze a Carrara e festa in spiaggia, matrimonio a 48 ore dagli europei

oriana fallaci feltri

Feltri e l’amicizia con Oriana Fallaci: «Prima di morire voleva parlarmi con urgenza»