in

Paragone (Italexit): “Draghi? Vediamo se avrà i voti. Governo dei migliori? Campioni della Troika, stesso schema di Monti”

Incarico a Draghi, “vediamo se avrà i voti. Può darsi che il M5S che ha votato il governo sovranista e poi quello europeista alla fine voterà anche Draghi. Voglio vedere come si comporterà in aula la corrente di battistiana del M5S”. Così Gianluigi Paragone, senatore del gruppo misto e fondatore di “Italexit”, si è espresso pochi minuti fa ai microfoni di Radio Cusano Campus a proposito dell’ormai certo incarico all’ex presidente della Bce Mario Draghi.

ARTICOLO | Crisi di governo, Crimi: «M5s non voterà Draghi», il “malcontento” nelle chat dei grillini

Incarico a Draghi

Incarico a Draghi, Paragone: “Vediamo con quali voti può nascere il governo. M5S ha detto no, Salvini è prudente, Meloni non fa salti di gioia”

Sull’incarico a Draghi Paragone parte dai “conti”, per evidenziare come al momento non ci sia una maggioranza sicura a sostegno dell’ormai certo nuovo premier incaricato. “Intanto vediamo con quali voti può nascere questo governo”, ha affermato. “Ho sentito che il M5S dice di no, Salvini è abbastanza prudente, la Meloni non mi sembra abbia accolto con salti di gioia l’opzione Draghi. Non credo che Draghi sia così sprovveduto da andare in Parlamento con numeri più risicati di quelli che aveva Monti”.

“Se Draghi dovesse andare in parlamento con una maggioranza risicata –  prosegue Paragone –  vorrebbe dire che il tocco magico di Mario Draghi sarebbe finito. Anche perché se Draghi non riesce ad attirare consenso per fare un governo, con che voti potrebbe andare a fare il Presidente della Repubblica? Vedo più che altro i giornalisti, l’establishment esultare per Draghi, però la via parlamentare non è così scontata”.

“Può darsi che il M5S che ha votato il governo sovranista e poi quello europeista alla fine voterà anche Draghi”

“Può darsi che il M5S che ha votato il governo sovranista e poi quello europeista –  incalza il fondatore di “Italexit” – alla fine voterà anche Draghi. Voglio vedere come si comporterà la corrente di battistiana in aula. Questa doveva essere la legislatura che manteneva le intenzioni della maggioranza del popolo italiano che aveva votato soprattutto due forze di rottura. Le ultime elezioni avevano segnalato una forte partecipazione politica, con una marcata idea politica che non era certo il Conte 2 e non può essere neanche Draghi”.

“Ma poi cosa vuol dire il governo dei migliori? I migliori per chi?”, conclude Paragone. “Sono i migliori che cantano quello spartito lì. Sono i campioni della Troika. E’ lo stesso schema di Monti, ci sarà un massacro dell’economia reale. Il Recovery Fund alle persone meno abbienti non arriverà, è inutile prenderci in giro. Io rinnego completamente questo impianto mercatista che svilisce il popolo sovrano. Elezioni oggi da irresponsabili? Allora anche le amministrative vanno sospese, visto che quest’anno le più grandi città andranno al voto”. >> Le notizie di politica italiana

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Andrea Principe

crisi governo boschi

Governo, Boschi: «Noi ci siamo per Draghi», imbarazzo sul viaggio di Renzi in Arabia Saudita

draghi stipendio

Mario Draghi stipendio e patrimonio: quanto guadagna l’ex presidente della BCE