in

Uno: dal gioco di carte al mondo videoludico fino all’approdo nei casinò online

Uno! Questa è la parola da urlare quando si rimane con una sola carta in mano, nell’omonimo gioco che fa divertire chiunque dai piccoli fino ai più grandi. Di versioni ne sono state realizzate tantissime oltre a quella originale. Da quella dedicata alla band sudcoreana del momento, i BTS, a quella creata in omaggio al manga giapponese One Piece, dalla rivisitazione in chiave Minecraft a quella del celebre Jurassick World.

Non manca poi la controparte digitale che fin dagli anni Novanta ha spaziato tra GameBoy, PlayStation, Xbox, Pc, ma anche tablet e smartphone. E non finisce qui dato che, da poco, il celebre gioco di carte che accompagna le famiglie da oltre mezzo secolo è disponibile anche nei casinò online, al fianco delle slot online AAMS, nel palinsesto dei casinò con licenza ADM.

Se si vuole provare qualche brivido in più, con un gioco che fino ad ora era legato esclusivamente a divertimento e spensieratezza, sui più popolari siti di casinò, oltre ai tradizionali giochi di carte, roulette e slot machine, sarà possibile giocare anche a Uno, evitando così di rovinare qualche amicizia di troppo per un “+4” lanciato sul tavolo a un passo dalla vittoria.

Se per oltre vent’anni Uno è stato un gioco esclusivamente “su carta”, da circa tre decenni sono state realizzate varie controparti nel mondo dei videogiochi. Come detto precedentemente, le prime versioni sono giunte negli anni Novanta, facendo breccia su console come Game Boy – incluse le versioni Color e Advance -, Sega Saturn e Super Famicon.

Negli anni Duemila, quindi, il gioco di carte è sbarcato anche sulle console che hanno fatto la storia di questo secolo. Con loro sono giunte anche le varianti che hanno permesso di espandere l’universo di Uno dal gioco in locale a quello online.

Da un decennio e poco più, infatti, esistono o esistevano – nel caso di alcuni giochi che ormai non ricevono più il supporto degli sviluppatori – diverse versioni che permettono agli utenti di sfidare avversari in tutto il mondo, anche mediante piattaforme realizzate ad hoc sui social network.

Una delle prime versioni è stata quella realizzata da Gameloft che ha sviluppato il gioco sia per iPod, sia per Nintendo Wii e DSi, tra il 2008 e il 2009. In particolare, queste ultime due supportavano il gameplay in rete, così come il successivo “Uno & Friends” creato appositamente per Facebook nel 2013, ma chiuso nemmeno cinque anni dopo.

In tempi recenti, invece, è stata Ubisoft ad avventurarsi nello sviluppo della versione digitale del gioco di carte, portandolo sulle più grandi piattaforme di gaming che tutti conosciamo: Playstation, Xbox, Pc, Nintendo Switch e anche il servizio in cloud Stadia. Questa variante, operata dalla software house francese, è ancora usufruibile sulle varie piattaforme.

A grandi linee tutti questi videogiochi hanno ricalcato quella che è la controparte storica e “fisica” del gioco, creato nel 1971, espandendo di fatto le opportunità di gioco dal contesto familiare e di amicizia a quello planetario, con l’opportunità di giocare contro chiunque, ma anche di poter affrontare una partita in solitaria contro il computer.

L’arrivo di Uno sulle piattaforme di casinò online ha aggiunto un ulteriore step al gioco come lo si conosceva fino ad oggi. Se infatti prima di questo momento lo si poteva considerare un gioco senza impegno, ma comunque competitivo, con la sua presenza in questo settore ne eleva ancora di più la sfida.

Non ci si mette più in gioco per il successo finale, ma ci si scontra faccia a faccia con la fortuna, cercando di portare a casa ben più della semplice soddisfazione di aver battuto gli avversari seduti al tavolo. Il trait d’union tra tutte queste tipologie è il ricordarsi di urlare “Uno” per non vanificare la partita perfetta.

Seguici sul nostro canale Telegram

Papa Francesco intervista al Corriere della Sera

Papa Francesco: la guerra in Ucraina “facilitata dall’abbaiare della Nato ai confini russi”

Nuove sanzioni Ue Russia 5 maggio 2022

Guerra in Ucraina, le nuove sanzioni Ue contro Mosca: stop al petrolio russo