in

Coronavirus, l’inedito di Giuliano Sangiorgi è un messaggio di civiltà

Tutti gli artisti si stanno unendo all’hashtag #iostoacasa. In un momento così delicato, è necessario che si faccia un passo indietro e si rinunci alle proprie abitudini, per cercare insieme di controllare la diffusione del coronavirus che purtroppo sta mettendo in ginocchio non solo l’Italia, ma tutto il mondo. Per questo sono importanti anche gli appelli degli artisti, degli influencer e di tutte le persone più seguite. Giuliano Sangiorgi, il cantante dei Negramaro, ha scritto e pubblicato su Instagram una canzone su questo tema che sta creando così tanta paura.

View this post on Instagram

Le immagini di tutte quelle persone che ieri scappavano da Milano e assalivano l’ultimo treno che li avrebbe ripotati a casa, dai propri affetti, sono ancora impresse nella mia mente… Cucino il ragù della domenica, fingo che sia tutto normale , come sempre. Giro e rigiro quel sugo, che stella ama tanto. Smetto, lo faccio riposare e penso che ho del tempo per mettere nero su bianco i miei pensieri e, magari, ho il tempo pure di cantarli, prima di riprendere la cura del mio ragù. Sento che è giusto condividere queste parole nuove con voi, scritte per voi, per me… per capire o per cercare almeno di farlo. La musica, tante volte, mi ha aiutato a comprendere, a comprendermi. Tante canzoni, quelle rimaste nel cassetto, ma vi assicuro, mi hanno aiutato tanto, anche senza essere pubblicate, senza essere dei successi. Questa no, voglio dedicarvela, per annullare le distanze e per sentirvi in questa stanza tutti. Torno al mio ragù e vi aspetto, aspetto che tutto torni a girare nel senso giusto come questo mio ragù, come questa mia canzone… Restiamo a casa Sono giorni che ci penso… Vorrei incontrarti, ma non si può. Sono ore, lunghe ore passate solo ad aspettare che qualcuno sappia dire qualcosa che faccia sperare, che questa maledetta storia sia sul punto di finire e insieme, finalmente, noi domani torneremo a uscire A incontrarci per le strade come un tempo in un locale, con un sogno e una birra in mano e una strana gioia, qui, nel cuore, che è difficile da capire perchè sembra sia normale. Ma da questi giorni qui tutto sarà un po’ speciale E intanto noi restiamo a casa, così… In quel cassetto ho molti libri e un bel film Facciamo finta che là fuori piove e che quel sole tarda ad arrivare Ma è solo tempo da rispettare. Che ne dici, potremmo fare l’amore? Approfittiamone per ricordare quanto è importante la vita insieme. È poco tempo! C’è solo da aspettare! Ti giuro torneremo a fare l’amore… Per ora resta casa qui con me. Per ora resta a casa. Fallo per te e per me E per noi! #iostoacasa

A post shared by Giuliano Sangiorgi (@giulianosangiorgi_official) on

Coronavirus, la canzone di Giuliano Sangiorgi: “Restiamo a casa”

“Approfittiamo per ricordare quanto è importante la vita insieme. E’ poco tempo! C’è solo da aspettare! Ti giuro torneremo a far l’amore… Per ora resta a casa qui con me. Per ora resta a casa. Fallo per te e per me. E per noi!” Le parole del cantante dei Negramaro raccontano la difficoltà di mettere in pausa la nostra vita di fronte al coronavirus. Ma anche la sua importanza. In un brano inedito, chitarra e voce, dal titolo “Restiamo a casa”, Sangiorgi dimostra il suo appoggio alla campagna lanciata sui social network. Un flusso di parole scritte dopo aver visto le immagini delle persone che scappavano da Milano, tentando fino all’ultimo di salire sui treni che li avrebbero portati lontano dal virus, dalla paura, e vicino ai propri affetti.

“Sento che è giusto condividere queste parole nuove con voi, scritte per voi, per me… per capire o per cercare almeno di farlo. La musica, tante volte, mi ha aiutato a comprendere, a comprendermi”, si legge nella didascalia che accompagna la canzone. “Tante canzoni, quelle rimaste nel cassetto, ma vi assicuro, mi hanno aiutato tanto, anche senza essere pubblicate, senza essere dei successi. Questa no, voglio dedicarvela, per annullare le distanze e per sentirvi in questa stanza tutti. Torno al mio ragù e vi aspetto, aspetto che tutto torni a girare nel senso giusto come questo mio ragù, come questa mia canzone… Restiamo a casa“. Una canzone piena di senso civico, ma anche di speranza, di desiderio che questo momento così difficile per tutti passi in fretta. E’ un segno di solidarietà.

coronavirus

Coronavirus, gli artisti promuovono la campagna #iostoacasa

Ieri anche Chiara Ferragni ha pubblicato un video messaggio, con cui l’imprenditrice digitale ha chiesto a tutti di “usare il cervello” e di rinunciare a ciò che consideriamo “normalità”, perché “anche se la malattia di per sé può non farci tanta paura, il fatto che possa passare da un individuo all’altro così facilmente deve farci riflettere”. E quindi “non facciamo cose stupide, sacrifichiamoci, e il sacrificio è di chiunque. Ci deve rincuorare il fatto che si tratti di un periodo limitato e se ci affidiamo alle precauzioni che ci sono state date questa epidemia avrà una vita più breve. Niente panico, stiamo uniti. Ma usate il cervello“.

Come lei, altri artisti stanno promuovendo la campagna #iostoacasa, e questo è di fondamentale importanza per far capire che è davvero necessario rispettare le norme imposte dal governo e dal Ministero della salute. E’ importante per tutti.
Tommaso Zorzi, l’influencer, per esempio ha aperto un box di donazioni sul suo profilo Instagram (che conta circa 612mila followers) da destinare alla Croce Rossa italiana. In sole tre ore sono stati raccolti più di dieci mila euro. Ognuno a modo proprio sta lanciando messaggio di civiltà.

Dario Franceschini, il ministro dei Beni Culturali, ha pubblicato un post per ringraziare chi si sta battendo per questa causa: “Ringrazio i tanti i protagonisti della musica, del cinema, dello spettacolo che in queste ore stanno promuovendo sui social la campagna #iorestoacasa. Un messaggio importantissimo per i ragazzi”.

>> Tutte le notizie di UrbanPost

coronavirus ultime notizie

Coronavirus, caos nuovo decreto: prefetti ancora in attesa di risposte dal governo

Anna Tatangelo più provocante da quando è single, minigonna da infarto e video hot: «Ci vuoi morti?»