in

Maurizio Stecca ricoverato in ospedale per Covid: le sue attuali condizioni

L’ex campione di boxe Maurizio Stecca è ricoverato all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso perché positivo al Covid. L’ex atleta, 58 anni, aveva già ricevuto due dosi di vaccino e si apprestava a fare la terza. Il campione olimpico dei pesi gallo a Los Angeles nel 1984, residente da tempo con la compagna a Casale sul Sile (Treviso), ha parlato della sua malattia sul proprio profilo social.

leggi anche l’articolo —> “Stasera Italia”, Bassetti mostra le tac dei pazienti no vax: “Polmoni ridotti così…”, Palombelli sconvolta

Maurizio Stecca

Maurizio Stecca ricoverato in ospedale per Covid: le sue attuali condizioni

L’ex campione di boxe Maurizio Stecca, oro ai Giochi di Los Angeles 1984 e poi campione del mondo Wbo ed europeo tra i professionisti, è ricoverato in ospedale a Treviso per via del Covid. L’uomo, originario di Sant’Arcangelo di Romagna, si trova al momento in un reparto medico del Cà Foncello. A dare l’annuncio della malattia lui stesso attraverso il suo account Facebook: «Ho cominciato il match più difficile della mia vita contro un avversario chiamato Covid. Non so quante riprese ci vorranno, sicuramente tante. Io, abituato a tantissime battaglie sempre vinte, sicuramente non indietreggerò mai davanti a questo maledetto avversario». A far da corredo alla didascalia un selfie che mostra Stecca con una mascherina per l’ossigeno sul volto. L’ex atleta è apparso sofferente, molto provato. Il campione ha ricevuto centinaia di messaggi da ogni parte d’Italia. Tanti hanno voluto esprimergli vicinanza: «Su la guardia e sempre avanti», ha scritto un utente; «I campioni possono cadere ma si rialzano più forti di prima», ha fatto eco un altro. E ancora: «Forza campione, metterai questo virus k.o.».

Maurizio Stecca

Situazione degenerata nelle ultime ore

Stecca, come spiega «Il Corriere della Sera», era in attesa di ricevere la dose booster del vaccino, purtroppo però è stato colpito dal virus. Il campione inizialmente aveva gestito il contagio a domicilio. La situazione però è poi degenerata: un’importante crisi respiratoria ha spinto l’uomo ad andare in ospedale, dove si trova tuttora ricoverato. Treviso, lo ricordiamo, è al momento una delle province con maggiori contagi. Leggi anche l’articolo —> Effetti avversi del vaccino, scontro tra Maria Giovanna Maglie e Massimo Galli a “L’aria che tira”

Seguici sul nostro canale Telegram

proroga stato emergenza

Proroga dello stato d’emergenza fino a marzo 2022, cos’è e perché serve: verso l’ok del governo

Calciomercato gennaio 2022, i possibili colpi di mercato di Juventus e Roma