in

Strage di Bucha, la testimonianza choc dell’inviato Rai: cosa avevano in comune tutti i corpi, il dettaglio

Guerra Russia Ucraina – Un’ondata di indignazione in tutto il mondo per il massacro di Bucha, sobborgo alle porte di Kiev, dove abbandonati su un’unica strada sono state trovate decine di cadaveri. A «Che tempo che fa» la drammatica testimonianza di Ilario Piagnerelli, inviato della Rai. Una realtà cruda quella della cittadina vicinissima alla capitale Kiev. Altro che bugie e subdolo montaggio dei media occidentali, come sostenuto dalla propaganda del Cremlino. «Siamo tornati poco fa da Bucha, questo luogo di cui adesso parlano tutti», ha spiegato il giornalista.

leggi anche l’articolo —> Odore di golpe a Mosca: tutta la verità nella lettera di un agente segreto russo

strage bucha

Strage di Bucha, la testimonianza choc dell’inviato Rai: cosa avevano in comune tutti i corpi

«Devo dire che rispetto a quello che dice l’agenzia russa Tass e cioè che si tratta di una messa in scena occidentale… beh, nulla di più lontano dalla realtà. Tutti i cadaveri che abbiamo visto noi oggi a Bucha erano esecuzioni, non dilaniati», ha detto a «Che tempo che fa» Ilario Piagnerelli, svelando un dettaglio. Non sono fake news, i corpi di civili uccisi e lasciati per strada o gettati in una fossa comune corrispondono al vero. Ed è una realtà spaventosa, agghiacciante: «L’abbiamo vista quella con 270 corpi tutti di civili. Spuntavano anche le mani, i piedi e le gambe di alcune donne. Insomma, abbiamo visto oggi l’orrore a Bucha, periferia di Kiev», ha aggiunto l’inviato, riferendosi alla fossa comune. Il governo russo ha negato ogni tipo di responsabilità per il massacro di civili a Bucha, riconquistata nei giorni scorsi dalle forze ucraine. Secondo il ministero della Difesa russo, citato dalla Tass, le foto e i video diffusi sono “un’altra provocazione” da parte di Kiev dal momento che tutte le unità di Mosca hanno lasciato la località lo scorso mercoledì.

strage bucha

Il premier Zelensky: «Come si può stuprare e uccidere le donne davanti agli occhi dei loro figli»

Durissime le parole del leader ucraino Zelensky: «Vorrei che ogni madre russa vedesse i corpi delle persone uccise a Bucha, Irpin, Hostomel. Cosa hanno fatto quelle persone ai russi? Perché torturavano dei semplici civili in una città pacifica? Come si può stuprare e uccidere le donne davanti agli occhi dei loro figli», ha detto il leader di Kiev in un video. «Cosa ha fatto alla Russia la città ucraina Bucha? Come è diventato possibile tutto ciò? Madri russe, anche se voi avete cresciuto dei saccheggiatori, come è che sono diventati anche dei boia? Voi non potevate non sapere che i vostri figli non hanno anima, non hanno cuore. Loro hanno ucciso consapevolmente», ha aggiunto. Condanna unanime dall’Occidente: «Le immagini dei crimini commessi a Bucha e nelle altre aree liberate dall’esercito ucraino lasciano attoniti. La crudeltà dei massacri di civili inermi è spaventosa e insopportabile. Le autorità russe devono cessare subito le ostilità, interrompere le violenze contro i civili, e dovranno rendere conto di quanto accaduto. L’Italia condanna con assoluta fermezza questi orrori, e esprime piena vicinanza e solidarietà all’Ucraina e ai suoi cittadini», ha dichiarato il presidente del consiglio Mario Draghi. Leggi anche l’articolo —> Guerra in Ucraina, le ultime drammatiche notizie: la Russia sta mobilitando altri 60.000 soldati

strage bucha

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Russia Ucraina ultime notizie

Guerra in Ucraina, le ultime drammatiche notizie: la Russia sta mobilitando altri 60.000 soldati

gas russo

Gas russo, dopo la strage di Bucha l’Europa pensa all’addio a Mosca: sanzioni e razionamenti