in

M5s, oggi il voto su Rousseau, per alcuni: «Quesito manipolatorio», Conte e Di Maio per il sì

M5s Rousseau voto oggi – Giovedì 11 febbraio 2021. Giornata cruciale per le sorti politiche del nostro paese. Gli iscritti al Movimento 5 Stelle voteranno su Rousseau l’appoggio al governo Draghi, dopo il rinvio chiesto dal fondatore Beppe Grillo. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio spinge per il sì: «Il reddito non si tocca, il Mes non è citato». Dello stesso avviso il premier uscente Giuseppe Conte: «Se fossi iscritto sulla piattaforma voterei sì a Draghi». Nel frattempo l’ex dirigente della Bce ha incassato anche l’ok delle parti sociali.

leggi anche l’articolo —> Sul governo Draghi il M5S si sta lacerando e i ritardi peggiorano la situazione

m5s voto

M5s Rousseau voto oggi, per alcuni: «Quesito manipolatorio», Conte e Di Maio per il sì

Il voto di Rousseau sul governo Draghi sarà avviato oggi alle ore 10 e durerà fino alle 18. Il quesito è il seguente: «Sei d’accordo che il MoVimento sostenga un governo tecnico-politico: che preveda un super-Ministero della Transizione Ecologica, e che difenda i principali risultati raggiunti dal MoVimento, con le altre forze politiche indicate dal presidente incaricato Mario Draghi?». L’annuncio che il ministero, che accorpa le competenze di Ambiente e Sviluppo, sarà istituito nell’ipotetico governo Draghi l’ha dato la presidente del Wwf Italia Donatella Bianchi, subito dopo l’incontro della delegazione degli ambientalisti con il premier incaricato. «La buona notizia è che ci sarà un ministero della Transizione ecologica», ha dichiarato la Bianchi. Tredici parlamentari pentastellati parlano però di quesito volto ad inibire il voto contrario.

m5s rousseau voto

«La motivazione del rinvio era dunque un mero pretesto»

Tredici parlamentari del Movimento contestano il quesito su cui votare. «È stato formulato in maniera suggestiva e manipolatoria, lasciando intendere che solo con la partecipazione del M5s al governo si potranno difendere i provvedimenti adottati dal precedente governo e dalla precedente maggioranza», scrivono in una nota, in cui definiscono la votazione «tendenziosa e palesemente volta a inibire il voto contrario alla partecipazione del M5s al Governo Draghi». E ancora: «La motivazione del rinvio era dunque un mero pretesto per posticipare il voto ad un momento maggiormente propizio per condizionarne l’esito».

In serata però Luigi Di Maio è tornato alla carica, sottolineando l’importanza di sostenere il governo Draghi: «Domani voterò convintamente sì sulla piattaforma Rousseau». L’alternativa, domanda l’ex capo dei grillini, sarebbe quella di andare all’opposizione: «Ma di chi, di noi stessi?». E ancora: «Dobbiamo partecipare a questo governo per difendere quello che abbiamo ottenuto e spendere bene i soldi ottenuti da Giuseppe Conte. Io mi fido dinoi e mi fido di voi, io mi fido di Grillo, io mi fido di Conte. (…) Se qualcuno ha voglia di passare il tempo a puntare il dito, può sempre farlo, è un suo diritto puntare il dito, ma in questo momento stiamo decidendo il destino dell’Italia per i prossimi 10-20 anni, e io, a vedere altri che spendono 240 miliardi, il piano Marshall del nuovo millennio, non ci sto. Quindi voto sì», ha concluso Di Maio. Leggi anche l’articolo —> Governo Draghi, Meloni: «Strano che Salvini parli a nome centrodestra», verso la spaccatura?

 

Seguici sul nostro canale Telegram

María Grever Doodle Google

María Grever, chi è la compositrice messicana celebrata dal doodle di Google e perché si ricorda oggi

Renzi

Governo Draghi, Renzi si autocelebra sul NYT: «Un capolavoro, ho fatto tutto da solo col 3%»